Steve Kerr: “Se avessi accettato i Knicks, avrei fatto la fine di David Fizdale”

Home NBA News

Steve Kerr ha voluto manifestare tutta la propria solidarietà per David Fizdale, licenziato ieri dai New York Knicks dopo poco più di un anno. Il coach dei Golden State Warriors è in una situazione di classifica identica (4-19 per gli Warriors, 4-18 per i Knicks), ma in generale profondamente diversa visti i tanti infortuni e le cinque Finals raggiunte nelle ultime cinque stagioni.

Quando però Kerr accettò il posto di allenatore degli Warriors nell’estate 2014, una delle altre proposte che aveva sul tavolo per il suo primo incarico di questo tipo in NBA era proprio quella dei Knicks. Per questo il 54enne coach di Golden State si è sentito ancora più coinvolto nella notizia dell’esonero di Fizdale:

Sono un grande fan di David, l’ho conosciuto abbastanza bene nel corso degli anni, è un coach incredibile. E come sappiamo questo lavoro è estremamente fragile e dipende da molte cose, quando alleni in NBA. Numero uno, probabilmente quello che puoi insegnare, ma almeno equamente importante è la solidità della franchigia. Ci vuole un’organizzazione molto forte per aiutare gli allenatori e i giocatori ad attraversare periodi difficili. Sono molto fortunato ad avere un gruppo del genere intorno a me, so che non è una cosa che capita a tutti i coach, è una Lega molto dura. Se fossi andato a New York, sarei stato nella situazione di Fizdale tre anni fa, sono ben conscio di questo, è così che funziona. Penso di aver fatto la scelta giusta.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.