Supercoppa, le pagelle di Milano-Venezia: mostruosi Delaney e Punter; per Venezia Watt e Daye sono gli ultimi ad arrendersi

Home Pagelle Serie A

Grande vittoria per Milano contro Venezia nella prima semifinale di Supercoppa. Per i biancorossi grande prestazioni soprattutto per  Delaney (mvp della gara) e Punter; sugli scudi per i veneti Watt e Daye.

 

AIX ARMANI EXCHANGE MILANO

Malcolm Delaney: 8. Prestazione incredibile per l’americano che parte subito forte e riesce a rimanere concentrato anche nei momenti di difficoltò di Milano. Per lui 19 punti conditi da 4 recuperi, 6 assist e 10 falli subiti, che gli garantiscono l’Mvp della partita.

Vladimir Micov: 6,5. Altra ottima prestazione per “il professore”. Gioca un’ottima pallcanestro in entrambe le metà campo, e grazie ad un suo canestro dal mid range, Milano riesce definitivamente a spegnere tutti i sogni di rimonta di Venezia.

Jeff Brooks: 6. Fondamentale nelle gerarchie della partita soprattutto in fase difensiva e a rimbalzo, grazie alle sue lunghe leve. In attacco realizza solo 3 punti, ma è fondamentale sotto canestro.

Kyle Hines: 6,5. Prestazione sublime del centro americano soprattutto in attacco, con 12 punti e 3 recuperi, generando nel secondo quarto il decisivo allungo di Milano. In fase difensiva viene messo in difficoltà da Watt, ma nel secondo tempo riesce a contenerlo.

Kevin Punter: 7.  È decisivo insieme a Delaney nell’attacco Milanese. Autentico attaccante, attacco il ferro e tira dalla media trovando le giuste soluzioni. Fa un pò di fatica dalla lunga distanza con l’ 1/6. Resta una grandissima prestazione.

Sergio Rodriguez: 5. Ci ha abituati a prestazioni di altissimo livello, ma oggi ha deluso le aspettative. Nonostante i 4 assist, perde 5 palloni che favoriscono i tentativi di rimonta di Venezia, segnando solo 3 punti.

Luigi Datome: 6. Realizza due canestri decisivi, soprattutto l’ultimo, che chiudono la partita. È  quasi sempre attento in fase difensiva, ma ci si aspetta sempre di più.

Kaleb Tarczewski: 6. Gioca non moltissimo, a causa anche della grande prestazione di Hines, ma riesce a farsi trovare pronto a rimbalzo e sugli assist di Rodriguez. Tanta voglia ma non è ancora entrato nella condizione ottimale.

 Riccardo Moraschini: 5,5. Trova poco ritmo in attacco e non riesce a trovare le giuste soluzioni, fermato anche un paio di volte da Watt.

Andrea Cinciarini: 6. Si fa trovare pronto nonostante Messina decida di buttarlo dentro solo nel terzo quarto. Realizza i due tiri liberi che chiudono la partita.

All. Ettore Messina: 6,5. Prepara benissimo la partita, soprattutto in fase offensiva. C’è tanto da lavorare, perchè il blackout di metà frazione non è sicuramente una buona notizia in vista della finale e dell’inizio dell’Eurolega.

 

UMANA REYER VENEZIA

Mitchell Watt: 7,5. Giocatore fondamentale per i veneti sia in attacco che in difesa. 19 punti con 8/12 dal campo e tanto cuore, soprattutto nei momenti di difficoltà. È solo l’inizio per lui.

Michael Bramos: 5,5. Grande fatica per lui contro la difesa milanese che non gli consente di prendere tiri in ritmo, e questo, per uno specialista della casa dai 6,75 è un vero problema.

Austin Daye: 7. Parte male, ma quando decide di far male alle difese, diventa inarrestabile. Per lui 0/3 dall’arco, ma 9 falli subiti che consentono a Venezia di credere fino alla fine nella rimonta.

Jeremy Chappell: 6. Sbaglia tanto e perde troppi palloni nel primo tempo, ma realizza due triple che consentono a Venezia di riavvicinarsi in modo clamoroso a Milano.

Valerio Mazzola: 6.  Gioca una partita ordinata; sblocca la Reyer dalla lunga distanza, catturando 5 rimbalzi.

Stefano Tonut: 6,5. Primo tempo in ombra, ma si accende all’improvviso con 5 punti consecutivi e una tripla che porta Venezia sul -5. Sicuramente deve trovare continuità per poter risultare decisivo.

De Nicolao: 6,5. Giocatore in costante crescita con 4/6 dal campo ed 8 assist. È uno degli ultimi ad arrendersi, ma deve sicuramente migliorare in fase difensiva.

Casarin: 6. Ottima prestazione del playmaker classe 2003. Segna 2 punti e costringe Rodriguez a commettere fallo in attacco dopo una splendida difesa. Si fa sentire a rimbalzo e lotta su ogni pallone. Il futuro è tutto suo.

All. Walter De Raffaele: 5,5. Complice le troppe palle perse, la sua squadra inizia male e deconcentrata. Un errore probabilmente schierare la zona contro i tiratori di Milano che ne approfittano e allungano in modo decisivo.

Foto: Olimpia Milano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.