Ray Allen e Sigmund Freud: l’incoscienza del ritorno

Marzo 1900. Londra. Un ragazzotto alto e magro è seduto nella sala d’aspetto dello studio di un famoso psicologo. La segretaria che gli ha gentilmente chiesto di sedersi ed aspettare il suo turno lo guarda incuriosita, quasi spaventata. Il ragazzo è alto quasi due metri ed indossa un cappuccio che nasconde completamente gli occhi. Si […]

Continua a leggere