Teodosic risolve con una magia Virtus Bologna-Monaco

Coppe Europee Eurocup

Virtus Segafredo Bologna – AS Monaco: 77-75

(19-17; 35-35; 50-53; 77-75)

La Virtus vince contro il Monaco per 77-75 al termine di una partita a tratti delirante. Tra interruzioni arbitrali, problemi tecnici e ritmo altamente spezzettato, i primi 35 minuti sono un inno a ciò che non si dovrebbe vedere su un campo da basket. Le percentuali al tiro sono deficitarie per entrambe le squadre, la lotta a rimbalzo premia sempre i francesi (35 di cui 15 offensivi), che però non li sfruttano adeguatamente. Da contraltare una gara così equilibrata ha il pregio di portare ad un finale punto a punto. Le emozioni non mancano e sono prima Markovic, con la tripla del sorpasso, ed infine Teodosic a consegnare la vittoria ai bianconeri. Il numero 44 pesca fuori dal cilindro la giocata che vale il successo, con uno step back a meno di un secondo dal termine. Un canestro che fa esplodere il PalaDozza e regala l’ennesima vittoria di questo inizio di stagione alla Virtus, con il popolo e la squadra bolognese che dedicano il successo a Kyle Weems.

CRONACA: la Virtus parte subito aggressiva, andando dritta a canestro direttamente dalla palla a due. Il canestro rapido però è effimero, perchè le due squadre viaggiano su ritmi bassi, sbagliando tanto al tiro e faticando ad entrare in partita. A tutto ciò si aggiunge una lunghissima pausa forzata per un problema tecnico al tavolo, spezzando ulteriormente il ritmo e portando le due squadre alla prima pausa sul 19-17.

In avvio di secondo quarto il Monaco trova il primo vantaggio della gara, con il sorpasso immediato firmato dalla tripla di Ouattara. Bologna risponde subito presente con Pajola e prova l’allungo con Gamble e Gaines, arrivando sul 27-22. Obradovic chiama timeout e frena la Segafredo, con i francesi che non subiscono la spallata dei padroni di casa e tornano a contatto e poi davanti. Tocca a Djordjevic interrompere il match, con Teodosic che rimette le cose a posto e firma il 35-35 dell’intervallo.

La Virtus esce dagli spogliatoi distratta e confusa, così il Monaco ne approfitta e apre il quarto con un 3-11, firmato da Clemmons e O’Brien. La panchina bianconera è costretta al timeout dopo meno di 2′, per arrestare l’emorragia. La sfuriata di Djordjevic ricompatta Bologna e Markovic si carica in spalla i suoi, accorciando la forbice sul 43-48. Il nuovo punteggio rimane immobile a lungo, con i francesi a sbagliare tantissimi tiri aperti con i piedi oltre l’arco e la Segafredo in grande difficoltà a creare gioco. Dopo quasi 3 minuti di vuoto è Ouattara a muovere il tabellone, anticipando altri due minuti dove gli unici punti di entrambe le squadre arrivano dalla lunetta. Racimolando qualcosa da Ricci, Hunter e Buckner si arriva con grande fatica al 30′, con il punteggio di 50-53.

Ad inizio dell’ultima frazione nuovamente il Monaco travolge Bologna, con il divario che piomba sulla doppia cifra con il 50-60. Teodosic prova a svegliare i suoi con una tripla di talento puro, ma la Segafredo non trova soluzioni. Sprofondata a -11, la Virtus trova una risposta d’orgoglio con Baldi Rossi e Markovic, rimettendo in discussione la contesa sul 62-67 del 36′. Obradovic arresta l’inerzia bianconera con il timeout, ma i suoi continuano a sbagliare l’impossibile al tiro. Così un paio di fiammate del solito Teodosic rendono il finale infuocato con il 66-68. Con la gara sul filo, la tripla di Markovic spariglia le carte e riporta la Segafredo avanti, ma il libero di Youguete firma la nuova parità a quota 73. I due tiri liberi di Teodosic si vedono annullati dalla penetrazione di O’Brien, che lascia appena 1 secondo e 3 decimi sul cronometro. Un tempo che non sarebbe sufficiente per molti esseri umani, ma che basta a Milos Teodosic: riceve dalla rimessa, step back e palla che mischia il suono della sirena con il cotone della retina. Finisce 77-75, perchè il libero supplementare viene sbagliato appositamente dallo stesso Teodosic per non lasciare spazio ad ulteriori repliche.

Qui le statistiche complete del match.

Luca Marchesini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.