Top & Flop dell’undicesima giornata di Serie A

Home Serie A

TOP:

Cattura
Ph. Paolo Porcu

MVP: Jerome Dyson, Dinamo Banco di Sardegna Sassari – Il criticatissimo play americano zittisce gli haters almeno per una sera, sfiorando l’impresa di effettuare una tripla doppia che alla Serie A manca da anni. In una delle partite più importanti della stagione, quella contro Reggio Emilia, Dyson segna 25 punti, raccoglie 10 rimbalzi, distribuisce 9 assist e ottiene ben 8 falli. Dominante.

Vittoria più convincente: Aquila Basket Trento – Non si ferma più la cavalcata di Trento verso le posizioni valide per disputare le Final Eight di Coppa Italia. Il (quasi) ventello rifilato a Pesaro ci conferma che la squadra di coach Buscaglia è ben più di una semplice neopromossa; Trento, ad oggi, è una minaccia per tutti.

Sorpresa di giornata: Vanoli Cremona – Pronta riscossa della squadra lombarda, che supera in trasferta alla Unipol Arena la Granarolo Bologna. La sconfitta casalinga contro Pesaro ha lasciato il segno soprattutto sugli americani Hayes e Clark apparsi un po sottotono nelle ultime giornate. Chi non sbaglia un colpo è invece Luca Vitali, totalmente rigenerato in questa stagione ed autore di un’altra grande partita da 16 punti 7 rimbalzi e 7 assist.

Stat of the day: 31 come la serie senza errori dalla lunetta di Rok Stipcevic della Virtus Roma. Con l’8/8 realizzato contro Milano, Stipcevic allunga la serie di tiri liberi consecutivi mandati a bersaglio raggiungendo quota 38/39 in stagione, ovviamente il migliore del campionato. L’unico errore fu in occasione della terza giornata contro Capo D’Orlando.

FLOP:

www.ilsussidiario.net

LVP: Daniele Cinciarini, Giorgio Tesi Group Pistoia – Se Pistoia viene sconfitta a domicilio da Avellino, parte della responsabilità è anche di un deludente Cinciarini, che prende davvero molti tiri in una serata storta, risultando deleterio negli equilibri della propria squadra. Daniele realizza solo due tiri su dieci tentati, non va mai in lunetta e realizza solo un assist. Inutile dire che coach Moretti si aspetta ben altro da lui…

Sconfitta meritata: Acqua Vitasnella Cantù – La qualificazione in extremis in Eurocup aveva per un attimo fatto dimenticare i problemi in campionato. A riportare la squadra lombarda alla realtà, tuttavia, si presenta al Pianella la Reyer Venezia, che evidenzia tutti i problemi della squadra allenata da Stefano Sacripanti. Con la vittoria in tasca, Cantù si fa ancora una volta sorprendere nei minuti finali, regalando alla Reyer il sorpasso su Reggio.

Delusione di giornata: Pasta Reggia Caserta – Fino a pochi minuti dal termine della partita contro l’Openjobmetis Varese, Caserta stava per assaporare il primo successo stagionale. Poi la palla è finita nelle mani di un Willie Dean caldissimo e la partita ha preso la piega meno sperata dai tifosi casertani. Il bilancio del week end risulta una sconfitta (l’undicesima su undici partite giocate) e l’esonero di Markovski, il secondo allenatore a salutare la Campania dall’inizio del campionato.

Stat da non ripetere: 28.8% da due e 29.2% da tre per la Granarolo Virtus Bologna – Queste orribili percentuali condannano le V nere alla sconfitta contro una Cremona che nell’ultima giornata era riuscita nell’impresa di farsi sconfiggere, in casa, da Pesaro. Inutili i 22 punti di Allan Ray, se il resto della squadra non vede la retina nemmeno con il binocolo…

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.