Top of the Week EuroLega: il miglior quintetto della settimana e gli MVP dei Round 9 e 10

Coppe Europee Home Rubriche

Settimana ricca di EuroLega questa appena passata, con due turni tra martedì e venerdì e tante gare importanti tra le teste di serie di questa regular season. A valle allora non poteva mancare Top of the Week, rubrica ufficiale di BasketUniverso per quanto concerne il maggior campionato europeo.
Abbiamo visto squadre vincere per due volte e consolidarsi ai piani alti della classifica, squadre cadere e rialzarsi ma anche squadre cadere per ben due volte, in piena crisi negli ultimi posti. Senza contare alcuni giocatori stellari e parecchie ottime prestazioni. Bando alle ciance ecco i due MVP di questi Round.

MVP DEL ROUND 9

Nonostante la performance di livello da parte di Luke Sikma (premiata anche dalla EuroLeague Association) per noi l’MVP è stato Nick Calathes, autore dell’ennesima grande prestazione in questa ottava stagione europea. Il playmaker greco è stato super protagonista nella vittoria esterna del suo Panathinaikos contro lo Zalgiris non solo con la solita generosità (12 assist e 7 rimbalzi) ma anche con 19 punti, 15 di questi arrivati dall’arco e nel momento clou della gara tra due delle storiche componenti della lega. Le cinque triple sono un career high per Calathes, alla quarta doppia-doppia e al primo +3o per quanto riguarda la valutazione PIR, massimo in stagione (32).

MVP DEL ROUND 10

Dopo varie apparizioni nel quintetto della settimana arriva anche per Nikola Mirotic il meritatissimo titolo di MVP. Il montenegrino non solo è stato fondamentale nella sfida al vertice contro il Maccabi Tel Aviv, ma ha anche riscritto i suoi personali massimi. Non c’è stata partita contro il solido giocatore, che ha chiuso con la doppia doppia da 25 punti e ben 14 rimbalzi la sua decima gara in stagione.

QUINTETTO DELLA SETTIMANA

G: Nick Calathes – Panathinaikos OPAP Athens

Le due vittorie contro lo Zalgiris e il Bayern Monaco hanno ridato vigore alla finora altalenante stagione del Panathinaikos, che più volte ha avuto come protagonista assoluto proprio la guardia con il numero 33 nella schiena. Alla prestazione di martedì è infatti seguita un’altra grande gara ieri, con un Calathes un po’ più compassato ma comunque sempre al centro del gioco. 12 punti, 7 rimbalzi e 5 assist sono stati il bottino conquistato, nonostante medie rivedibili (3/10) e qualche palla persa.

G: Facundo Campazzo – Real Madrid

La guerra ai piani alti tra Milano, Barcellona e CSKA Mosca ha in parte oscurato il grande cammino del Real Madrid, ora in pianta stabile in terza posizione e con un occhio alla testa della classifica. I madrileni hanno ad oggi una striscia positiva di cinque vittorie consecutive e anche negli ultimi due turni la risposta è sempre stata positiva, con due vittorie in tre giorni ai danni delle due squadre moscovite. Campazzo difficilmente scorderà queste due ultime gare, viste le prestazioni di livello Mondiale (se parliamo di quest’ultimo) e una leadership incredibile, vista anche l’assenza del collega Laprovittola. 15 punti con il 4/6 da due e 5 assist contro il Khimki e 18 punti (con 2/3 dalla lunga distanza) sommati alle 6 assistenze contro il CSKA sono riduttivi; il suo apporto è decisamente fondamentale per il gioco di coach Laso, che gli ha affidato anche il ruolo di marcatore principe della squadra. L’argentino non ha pressione, gioca come mai aveva fatto in questa stagione e chiude con 22 e 24 punti PIR. Talento unico.

F: Nikola Mirotic – FC Barcellona Lassa

Il numero 33 blaugrana ha riscattato la rivedibile prestazione di mercoledì contro il Fenerbahce (solo 7 punti con 10 rimbalzi) firmando una doppia doppia da 25 punti, con 6/9 da due e 3 triple sulle 5 tentate, sommati ai 14 rimbalzi, 4 di questi offensivi. Il punteggio PIR di 35 (massimo stagionale e secondo massimo in carriera) ha tenuto conto anche di 3 assist distribuiti nel 27 minuti di gioco e dei 5 falli subiti. Barcellona è ben ancorata al primo posto e se questo è possibile nonostante siano passati ormai due mesi buona parte si deve a un grande cestista come il classe ’91

C: Tibor Pleiss – Anadolu Efes Istanbul

New entry in questo quintetto per il centrone tedesco, premiato questa volta anche grazie alle prestazioni della sua squadra. Pleiss è stato importantissimo nel pitturato delle due trasferte che lo hanno visto coinvolto: in Francia contro l’ASVEL non ha brillato (solo 11 punti) ma ha certamente influito nel rendimento negativo di Livio e Jekiri, due tra i migliori rimbalzisti del campionato, rimasti quasi a secco; certamente è stato fondamentale nella sfida ad alta quota contro l’Olimpia Milano, dove ha sfidato Tarczewski e Scola vincendo con 14 punti e 12 rimbalzi. Per lui prima doppia doppia in stagione e massimo stagionale per quanto riguarda la valutazione PIR (28). Chapeau!

C: Tornike Shengelia – KIROLBET Baskonia Vitoria-Gasteiz

Non ci sono più parole per questo giocatore, ormai presenza fissa nel ruolo di centro. Shengelia mantiene altissima l’asticella con altre due prestazioni sopra i 20 punti, nonostante, rimbalzi alla mano, l’apporto sia stato minore rispetto al solito. 22 punti e 6 rimbalzi contro il CSKA Mosca e 20 punti con 7 rimbalzi contro lo Zenit San Pietroburgo sono però bastati per firmare due vittorie importantissime a livello di classifica per il Baskonia, che ora respira aria di playoff a pieni polmoni. Il georgiano si candida seriamente ad essere MVP di Novembre, ma manterrà costanza di rendimento per tutta la stagione?

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.