Top of the Week EuroLega: il miglior quintetto e l’MVP del Round 17

Coppe Europee Eurolega Home Rubriche

Anno nuovo, stesso appuntamento con Top of the Week EuroLega. In una due giorni particolare, tra recordman, sconfitte inattese e grandi protagonisti inediti, abbiamo selezionato chi ha iniziato al meglio questo 2020. A cominciare da una vecchia conoscenza.

MVP DELLA SETTIMANA

Chi ben comincia è a metà dell’opera!” e Nick Calathes lo sa bene. L’esterno greco è stato infatti il miglior giocatore nella supersfida contro il CSKA Mosca a Kaliningrad. La valutazione da 40 PIR, arrivata alla 200esima gara in EuroLega, dove ha esordito quasi 10 anni fa, non è abbastanza per descrivere quella che è stata una prestazione monstre. Per lui 22 punti (e il canestro decisivo che ha portato all’overtime), 17 assist, 9 falli subiti e 6 rimbalzi in una gara stupenda per intensità e protagonisti in campo. Nel mezzo ha fatto di tutto, un vero e proprio metronomo (solo una palla persa producendo più di 50 punti su  106) per questo Panathinaikos che vuole sognare.

QUINTETTO DELLA SETTIMANA

G: Nick Calathes – Panathinaikos OPAP Athens

G: Nando De Colo – Fenerbahce Beko Istanbul

Dopo cinque sconfitte consecutive il Fenerbahce è tornato alla vittoria e lo ha fatto anche grazie a un’ottima prova da parte della guardia francese. I suoi 32 punti, con il 5/8 da tre e il 6/9 dalla media, hanno contribuito nella sfida esterna contro l’Olympiacos. De Colo non sta deludendo le aspettative, viaggiando a una media di 20.2 punti a partita (terzo marcatore nella Lega) in un anno di transizione per la compagine turca, che dovrà ripartire dal talento e la genialità di questo giocatore, tra i migliori che l’Europa può offrire al momento.

G: Pierra Henry – Baskonia Vitoria Gasteiz

Il Barcellona aveva perso solo tre volte, con l’ultima sconfitta arrivata a Novembre per mano del CSKA. Questo, perlomeno, sino a ieri sera, dove i catalani sono caduti contro Baskonia in una gara stupenda alla Buesa Arena. La sorpresa vera non è stata però la sconfitta quanto il protagonista, insolitamente non Shengelia bensì la guardia statunitense; Henry ha letteralmente dominato, giocando la migliore gara dell’anno con 20 punti (5/8 da tre), 3 rimbalzi e 3 assist. La cosa buffa? Nel mese di dicembre aveva segnato complessivamente 21 punti nelle cinque partite disputate. La pallacanestro è strana…

F: Kostantinos Mitoglu – Panathinaikos OPAP Athens 

Solitamente andiamo a pescare giocatori diversi da squadre diverse ma questa settimana abbiamo fatto un eccezione. Infatti anche la giovane ala classe ’96 merita un posto nel quintetto della settimana, vista la partita di altissimo livello fatta nel pitturato di Kaliningrad. Alla seconda partita in quintetto Mitoglu fa il fenomeno e firma una doppia doppia da 25 punti e 16 rimbalzi, 8 dei quali offensivi. Il greco fa la gara della vita, brucia ogni record precedente e si affaccia al nuovo decennio con 34 punti PIR di valutazione; un decennio che, vista l’età e l’esordio, potrebbe essere anche suo. Benvenuto nel club!

C: Tibor Pleiss – Anadolu Efes Istanbul

Chiudiamo con una vecchia conoscenza di questa rubrica. Il tedesco apre l’anno nuovo con la solita ottima gara nel pitturato: doppia doppia da 20 punti e 10 rimbalzi in 28′ di gara, quasi tutti offensivi. Pleiss firma inoltre il miglior punteggio personale della stagione e mostra ancora i muscoli nonostante la tanta concorrenza nel ruolo. L’Efes si poggia su basi solide e lui (e i suoi 221 cm) non può che essere una delle colonne portanti.

Menzioni d’onore: i 12 punti di Spanoulis che lo consegnano all’eternità come recordman di miglior marcatore nella storia dell’EuroLega

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.