Top of the Week EuroLega: il miglior quintetto e l’MVP del Round 26

Coppe Europee Eurolega Home Rubriche

Ultimo Top of the Week del mese e ultimi scampoli di regular season nel maggiore campionato europeo. Iniziano a delinearsi le prime qualificate: oltre l’Efes, già qualificato da due settimane, raggiungono matematicamente la seconda fase Barcellona e Real Madrid, con le vittorie contro Panathinaikos e CSKA Mosca. Il Maccabi mette un piede ai playoff mentre negli ultimi posti la ressa è incredibile, con sei squadre divise da una sola partita. Che lo spettacolo abbia inizio!

MVP DELLA SETTIMANA

CSKA – Barcellona è stata, al di là del risultato, una delle partite più belle del mese. Due squadre in forma, due possibili finaliste, che si danno battaglia fino all’ultimo respiro. Chi vince passa, chi perde resta a fare a spallate con le altre squadre ai piani bassi. La gara è tirata, i presupposti per un finale thrilling ci sono tutti; e infatti…

Ad essere premiato non può che essere l’uomo copertina di questo Barcellona. Nikola Mirotic non solo ha deciso la disputa ma ha anche trascinato i suoi nella difficile trasferta moscovita, dove i padroni di casa raramente lasciano passare gli avversari. 23 punti con il 4/6 da due e il 3/5 da tre si aggiungono agli 8 rimbalzi catturati, ma la sua gara è stato ben altro: prima scelta offensiva, giocatore chiave nei momenti di difficoltà, sicurezza dalla lunetta nel finale (100% ai liberi) e, dulcis in fundo, clutch guy con il fadeaway a 0.4 secondi dalla fine. Se il Barcellona si trova lì, dopo la scorsa annata rivedibile, in buona parte è per merito suo. E ancora non è finita.

QUINTETTO DELLA SETTIMANA

G: Vasilije Micic – Anadolu Efes Istanbul

Dopo mesi di assenza il serbo torna in quintetto dopo l’ottima prova disputata a Berlino contro l’ALBA. L’assenza di Larkin non sembra pesare quando in campo ci sono ottimi secondi violini come Micic e Beaubois e, complice anche la matematica certezza della post-season, tutto sembra filare liscio dalle parti di Istanbul. Doppia doppia sfiorata dal play con 23 punti a percentuali quasi immacolate (6/7 al tiro e 9/9 dalla lunetta), 9 assist, 5 rimbalzi catturati e 9 falli subiti. Il punteggio PIR di 35 si classifica al secondo posto del round e vale il carreer high per il classe ’94.

G: Alexey Shved – Khimki Moscow Region

Nonostante l’ottima prova di Micic ad aggiudicarsi il premio di giocatore della settimana è stato proprio Alexey Shved, autore di una gara magistrale contro ASVEL. Il Khimki risale la china e si piazza al settimo posto dopo la serata magica di venerdì, dove il nazionale russo ha dimostrato ancora una volta di essere uno dei migliori giocatori nel panorama europeo. 24 punti e 13 assist in 30 minuti non bastano per descrivere la gara da leader tecnico e morale di una delle compagini più pazze della competizione. E se non bastasse questo, il suo nome è ben chiaro nella cima dei migliori marcatori della stagione. Come Shved pochi in giro.

F: Nigel Hayes – Zalgiris Kaunas

Lo scontro diretto contro Milano ha fatto sorridere lo Zalgiris solo all’overtime, dopo una gara condotta dai padroni di casa e nel finale ripresa dai ragazzi di Messina. I lituani si trovano ora sotto solo di una vittoria, e tutto è possibile con i tanti scontri diretti che li aspettano. Questa settimana la menzione la merita il rookie Hayes, alla prima stagione in Eurolega e alla prima grande prova con la maglia di Kaunas. Lo statunitense, andato solo cinque volte in doppia cifra questa stagione, ha chiuso la gara con 21 punti e 4 rimbalzi, giocando con grande coraggio e forza d’animo. Il suo contributo è stato fondamentale nella prima parte di gara e importantissimo nei tempi supplementari, dove ha timbrato il cartellino assieme a Lukas Lekavicious.

F: Nikola Mirotic – FC Barcelona

C: Walter Tavares – Real Madrid

Chiudiamo il cerchio con un altro autore di una doppia doppia, questa volta decisiva per la matematica certezza dei playoff. Tavares è stato spesso messo in sordina, oscurato dalle prove dei colleghi, più grasse delle sue come punti e rimbalzi. Ciò nonostante il caboverdiano risulta essere sempre fondamentale nelle tattiche di Pablo Laso, che lo preferisce a Mickey, a Reyes e al giovane Garuba come big man nel pitturato. Tante doppie doppie in stagione, una da 15 e 10 rimbalzi a decidere l’anticipo contro il Panathinaikos. A volte abbastanza discontinuo, forse anche scoordinato, ma importantissimo ai fini dei risultati con le sue lunghe leve. Sottovalutato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.