Top of the Week EuroLega: l’MVP e il miglior quintetto dei Round 14 e 15

Coppe Europee Eurolega Home Rubriche

Altra puntata di Top of the Week EuroLega, una delle ultime dell’anno, dedicata all’ultimo doppio turno di questo 2019. Tre capoliste ora in regular season, tante prestazioni individuali di livello ma solo due guardie e tre big man hanno regnato sovrani.

MVP DELLA SETTIMANA

Non ci sono stati proprio dubbi di alcun genere in questi due round giocati al ridosso del Natale. Mike James prende a mani bassissime (e velocissime) il titolo di MVP del Round 14 e del Round 15. Mai era successo quest’anno che un giocatore fosse premiato due volte consecutive; se questo è accaduto è chiaro che si è trattata di una vera e propria settimana onnipotente per l’ex Olimpia Milano e Maccabi Tel Aviv. Nelle due vittorie lo statunitense ha toccato quota 28 (vs Stella Rossa) e 29 (vs Anadolu Efes) punti , segnando con percentuali pazzesche (5/7 in Serbia e 6/7 in casa) e servendo anche qualche assist importante ai compagni (6 nella gara di ieri). In entrambi i casi non solo è stato l’uomo partita ma ha anche overperformato, andando sopra i 15 punti prima ancora che si andasse alla pausa lunga. Ma se contro la Stella Rossa il CSKA ha dominato in lungo e largo, contro Efes i russi hanno dovuto rincorrere, con il numero #2 che, grazie ai 10 degli ultimi 13 punti dei suoi, ha gelato la Sinan Erdem Dome, soprattutto con il canestro finale. Ai punti PIR James totalizza rispettivamente 32 e 36 punti, secondo e terzo risultato stagionale al giro di boa. Però si può tranquillamente dire che c’è un uomo solo al comando di questa EuroLega. E se l’anno scorso è stato “solo” l’Alphonso Fort Trophy, quest’anno…

QUINTETTO DELLA SETTIMANA

G: Mike James – CSKA Moscow

G: Alexey Shved – Khimki Moscow Region

Mese stellare anche per Shved, autore di un doppio turno incredibile nonostante l’andamento lento della sua squadra nell’ultimo periodo. Per il russo la sconfitta contro l’Olympiacos è stata meno amara: infatti la guarda in terra ellenica ha firmato il suo personale carreer high di 36 punti, coadiuvato da 9 assist e ben 11 falli subiti nei 40 minuti giocati. Il sorriso è tornato solo due giorni dopo, con la vittoria casalinga contro lo Zalgiris dove comunque sono arrivati ben 25 punti che hanno contribuito alla grandissima nella seconda vittoria in tre gare del Khimki.

F: Jordan Mickey – Real Madrid

Alla seconda stagione europea il lungo del Real Madrid (unico acquisto dell’estate nel parco ali-centro) sta contribuendo alla straordinaria stagione dei blancos, portando mattoncini ogni settimana nella corsa continua alla vittoria (con quella di ieri la decima consecutiva). Mickey ha timbrato il cartellino anche nelle difficili gare contro Milano e Baskonia: nella prima sono arrivati 15 punti e 6 rimbalzi contro avversari del calibro di Gudaitis, Scola e Tarczewski, mentre nella seconda il testa a testa contro Shengelia è stato portato con successo a casa, insieme a 15 punti, 8 rimbalzi e persino una tripla messa a segno (21 PIR). Due gare imprescindibili, un posto in testa alla classifica. Questo Madrid inizia a far seriamente paura.

C: Othello Hunter – Maccabi Tel Aviv

Chi non sta deludendo nelle ultime settimane è sicuramente la compagine israeliana, ora ancora al quarto posto e a sole due vittorie dal gruppo di testa. L’esperienza paga bene a Tel Aviv, soprattutto se la stessa arriva da un monumento dell’EuroLega dell’ultimo decennio come Othello Hunter. Il centrone ex Sassari e CSKA Mosca appare ancora una volta nel nostro quintetto insieme alla doppia prestazione da 15 punti e 7 rimbalzi nelle due vittorie della compagine gialloblu contro Zenit St Pietroburgo (qui anche 3 assist e una palla rubata) e Panathinaikos. Lo statunitense è alla quarta gara consecutiva sopra i 15+5 e non sembra volersi fermare; così come non si vuole fermare la squadra di coach Sfairopoulos.

C: Nikola Milutinov – Olympiacos Piraeus

Ultimo lungo in lista è il centro serbo, ultimo anche ad arrendersi nelle due gare di questa settimana. L’Olympiacos non naviga in acque ambiziose ma il suo apporto è sempre il solito: grande sacrificio, massima resa. Nella larga vittoria contro Khimki Mosca c’è il suo zampone con i 16 punti e 7 rimbalzi, ma la stessa presenza l’ha dimostra anche nella sconfitta al fotofinish contro la Stella Rossa, trascinata da un magistrale Lorenzo Brown(36 pt) che più di tutti ha deciso una gara dominata nel pitturato dal numero 11 biancorosso con la doppia doppia da 15 punti e 11 rimbalzi. Anche Milutinov, dopo l’ottimo mese appena trascorso, è uno dei papabili migliori giocatori del mese di Dicembre.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.