Top&Flop della settimana NBA: Clippers (e Spurs) salgono, Pacers (e Heat) scendono, Anthony Davis vola

Home

Ok, Kevin Durant ne ha messi 40 di media (inclusi i 51 ai Raptors) ma ormai è vicinissimo alla conquista dell’MVP di BasketUniverso, allora abbiamo deciso “chiudere un occhio” e premiare Anthony Davis che, in questo periodo,  sta dominando in lungo e in largo. Molto bene anche i Los Angeles Clippers che nella notte hanno raggiunto la vittoria numero 50 e vantano 11 vittorie nelle ultime 12 partite. Mentre le grandi ad Ovest crescono, ad Est ci sono dei problemi che stanno costringendo sia Miami che Indiana a perdere preziose posizioni (potrebbero pagare caro questo periodo se, come quasi certo, una delle due dovesse arrivare in finale).

bynum davis

TOP PLAYER – Anthony Davis

La scelta #1 del Draft 2012 sta proprio esagerando. Ancora una volta il protagonista della settimana è lui e, tanto per cambiare, i suoi numeri continuano a far paura. Sicuramente le sue prestazioni e le sue statistiche sono “gonfiate” dal minutaggio molto alto e dal fatto che a a New Orleans sono in pochi quelli che giocano a basket, ma è impossibile non riconoscere che ora si stanno superando i limiti. 4 vittorie nelle ultime 4 partite per i Pelicans (e questo già fa capire cosa stia facendo Davis per la sua squadra) guidati dal loro centro in versione super: 32 punti, 14.3 rimbalzi, 2 stoppate, 59% al campo e 90% ai liberi, un quarantello, due trentelli e quattro doppie doppie. Sono “solo” dei numeri, ma che numeri! Anthony Davis conquista altri 2 punti nella nostra classifica e mette in bilico il secondo posto di LeBron James, chi lo avrebbe mai pensato ad inizio anno?

FLOP PLAYER – Andrew Bynum

Quando quest’estate i Cavs scelsero Bynum come il proprio centro titolare per la stagione della rinascita, di certo non si aspettavano tutto il talento e la forza fisica che l’ex Lakers aveva messo in mostra a Los Angeles, ma la scarsissima integrità fisica e mentale con cui il ragazzone ha affrontato questa stagione ha convinto persino il GM Chris Grant a disfarsi di lui e del suo contratto. L’ultimo ostinato nella Lega a credere ancora in Bynum è Larry Bird, che lo mette sotto contratto convinto che possa dare una mano ad una contender come i Pacers, ma i soliti problemi fisici, aggiunti a quelli di una difficile gestione psicologica, gli permettono solo di andare in campo per due gare (oneste medie di 11.5 punti e 9.5 rimbalzi), per poi riscomparire nell’abisso della injury list, lasciando Indiana con l’amaro in bocca.

J.Sullinger, K.Lowry, K.Walker, J.Johnson*, K.Irving, A.Jefferson,  D.Wade, Jo.Crawford, Markieff Morris, P.Millsap, D.Lee e T.Young ad un punto.

*eletto miglior giocatore della settimana dalla NBA

Nome Punteggio settimana Totale
K.Durant* +1 +21
A.Davis +2 +10
L.James +10
K.Love +8
G.Dragic +7
C.Paul +6
P.George +5
L.Aldridge +5
B.Griffin +5
J.Noah +4
J.Wall +4
M.C.Williams +3
C.Anthony +4
S.Curry +2
J.Harden +2
G.Vasquez -2
JR Smith -2
R.Felton -2
K.Faried -2
J.Lin -2
OJ Mayo -2
T.Evans -2
A.Bynum -2 -4
R.Rubio -4
G.Hill -4
D.Granger -4
E.Kanter -4
A.Bennett -6

LA-CLIPPERS-VS.-INDY-PACERS

TOP TEAM – Los Angeles Clippers

Delle 14 partite che hanno seguito l’All Star Game i Los Angeles Clippers ne hanno vinte 11 (miglior record dopo il 14-1 dei San Antonio Spurs) e, considerando che le prime due sono state perse, hanno perso solo contro Denver negli ultimi 12 incontri. Merito di una squadra che da inizio stagione è cresciuta tantissimo in entrambe le metà campo, e questa è la vera notizia. Come più volte sottolineato è sorprendente come i Los Angeles Clippers abbiano cambiato la loro mentalità con l’arrivo di Doc Rivers e come quest’ultimo sia riuscito a trasformare gente come DeAndre Jordan, giusto per dirne uno, in un buonissimo difensore e in un giocatore che sposta per davvero. Ad oggi i Clippers sono terzi ad Ovest e, complice il calo di LeBron e compagni, occupano il quarto posto in NBA, ad una sola vittoria dagli Indiana Pacers. Dopo il recente calo delle due forze ad Est, le possibilità di veder vincere una squadra della Western Conference aumentano e i Clippers non hanno nulla da invidiare a Spurs e Thunder.

FLOP TEAM – Indiana Pacers

Per gran parte della stagione i Pacers sono stati leaders incontrastati della Lega, macinando vittorie su vittorie contro qualunque avversario grazie ad un solidissimo sistema difensivo e ad un attacco scintillante, ma da qualche settimana qualcosa è cambiato: 5-5 nelle ultime 10 e semplicemente non riescono più a far canestro; Paul George sta diventando quasi inefficace, la mancanza di un playmaker vero si sente ora più che mai, Hibbert sta mostrando tutte le sue lacune offensive e la macchina perfetta si è inceppata, superata da San Antonio ed OKC come record generale e con gli Heat che si avvicinano (non certo a gran carriera) ad insidiare il primo posto ad Est; l’unica nota positiva è che Lance Stephenson non si ferma mai nonostante le difficoltà della squadra. Che sia una tattica per riposarsi in vista dei playoffs che finalmente li vedranno protagonisti seri o che sia una vera “crisi” di risultati e di gioco, solo il tempo ci fornirà la risposta.

Thunder, Grizzlies, Spurs, Wizards, Heat a +2 punti. Nuggets, 76ers, Lakers, Hawks e Knicks a -2.

Squadra Punteggio settimana Totale
Portland Trail Blazers +6
Memphis Grizzlies +4
Los Angeles Clippers +2 +4
Golden State Warriors +4
Houston Rockets +4
Phoenix Suns +4
Indiana Pacers -2 +2
Brooklyn Nets -4
Detroit Pistons -4
Minnesota Timberwolves -4
Philadelphia 76ers -4
Milwaukee Bucks -6

[banner network=”altervista” size=”300X250″]

[banner network=”altervista” size=”468X60″]

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.