Top&Flop della ventiduesima giornata di Serie A

Home Serie A

TOP

davies vareseMVP: Brandon Davies, Openjobmetis Varese. La copertina della 22esima giornata di Serie A è tutta sua. Con 27 punti e 16 rimbalzi Davies è il grande eroe del Palawhirlpool che a sorpresa batte una corazzata come la Dolomiti Energia Trentino. Per il centro di Philadelphia anche un assist, tre stoppate, 13/16 da due e una valutazione di 36. In una parola: dominante.

Vittoria più convincente: Sidigas Avellino. 2/2 contro la sua ex-squadra per coach Sacripanti, che anche nel girone di ritorno fa mangiare le mani ai suoi ex-tifosi, sconfitti per 81-77. La Sidigas si conferma una squadra più che temibile in questa seconda parte di stagione e a farne le speso ormai sono state tutte le squadre di Serie A: in campionato la marcia degli irpini è ormai devastante.

Sorpresa di giornata: Obiettivo Lavoro Bologna. Dopo la pesante sconfitta contro Milano, arrivata nonostante la devastante prova di Pittman, Bologna si riscatta battendo nientemeno che i campioni in carica della Dinamo Sassari, ora sempre più senza certezze. Piccola nota di merito: anche i lunghi sassaresi sono stati messi in seria difficoltà da un Pittman ancora decisivo nel pitturato.

Stats of the day: tre gare punto-a-punto decise nei secondi finali. La Serie A 2015/16 è puro spettacolo e i risultati di questa giornata lo confermano ancora una volta. Delle otto partite giocate, due sono finite con un solo possesso di distanza (Reggio-Venezia e Cremona-Capo d’Orlando), mentre a Milano l’Olimpia ha sudato sette camicie per portare a casa, nei minuti finali, una vittoria tiratissima contro Torino (94-90). Nessuna partita è dal risultato scontato in questa pazza stagione di Serie A, ma lo spettacolo è davvero assicurato!

FLOP

heslip cantùLVP: Brad Heslip, Acqua Vitasnella Cantù. Dopo una serie di prestazioni positive si ferma momentaneamente la corsa del numero 7 canadese, che contro Avellino stecca la partita. Zero punti (0/4 da tre) e un rimbalzo sono il misero bilancio di Heslip, per una valutazione di -3.

Sconfitta meritata: Dinamo Banco di Sardegna Sassari. Dov’è finita la squadra schiacciasassi delle ultime due stagioni? I campioni uscenti continuano a deludere il proprio pubblico, non riuscendo a confermarsi agli alti livelli a cui avevano abituato il Palaserradimigni. Inoltre, il caos attorno all’ambiente sassarese fa spavento: con le dimissioni di Calvani e la squadra affidata a Pasquini, si conta la terza guida tecnica nell’arco di pochi mesi sulla panchina del Banco.

Delusione di giornata: Dolomiti Energia Trentino. Brutto passo falso della squadra di coach Buscaglia, che forse comincia a subire i postumi del lungo percorso in Eurocup. La sconfitta esterna contro Varese fa male al morale, visto il valore oggettivamente mediocre dell’avversario, ma anche in termini di classifica: ora Trento si trova a 22 punti, in piena bagarre per le ultime posizioni valide per i playoffs. Il recupero di stasera contro Pesaro sarà l’occasione di riscattarsi subito.

Statistica da non ripetere: 5 falli in 12 minuti per Marco Cardillo dell’Enel Brindisi. L’ala italiana si rende protagonista negativa del match vinto dalla sua squadra uscendo per falli dopo pochi minuti di gioco. Lo stesso destino capita al compagno di squadra O.D. Anosike, che esce dal match per lo stesso problema dopo 19 minuti.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.