Trasferta da incubo per la Fortitudo Agrigento: Treviglio domina sin dall’inizio

Home Serie A2 Recap

REMER TREVIGLIO – FORTITUDO MONCADA AGRIGENTO 81 – 57
(24-15, 26-16, 15-11, 16-15)

Treviglio conquista la sua quarta vittoria casalinga mettendo KO la Fortitudo Moncada Agrigento, ancora a secco di vittorie in trasferta.

Quintetti
AGRIGENTO: Buford, Zugno, Evangelisti, Chiarastella, Bell-Holter
REMER TREVIGLIO: Sorokas, Marino, Marini, Sollazzo, Nwohuocha

Stato di forma
La Fortitudo Agrigento, arriva dall’ottima prestazione contro Casale Monferrato, ma reduce da tanti infortuni.
La Remer Treviglio si presenta al completo dopo la sconfitta di Biella, per confermare il suo stato di grazia in casa.

Assenze

Roster al completo per entrambi i coach, ma Agrigento che deve far i conti con gli acciaccati De Laurentiis, Piazza e Chiarastella.

Scelta tattica
Agrigento non riesce a imporre la propria difesa e l’infortunio prematuro di Chiarastella la penalizza ai rimbalzi.
Treviglio gioca un’ottima partita difensiva e mostra maggiore precisione nei tiri.

vertemati treviglioLa gara

Palla a due per Treviglio che realizza la prima occasione. Buford pareggia nell’azione successiva per Agrigento ma, in poco più di tre minuti, Treviglio propone il primo mini break (9-0), portandosi sull11-2, costringendo coach Ciani, al primo time-out per gli ospiti.
Al rientro, Chiarastella si infortuna e viene sostituito da Ferraro e ospiti che in un paio di minuti si riportano sotto sul 15-14. Treviglio domina ai rimbalzi, anche a causa dell’assenza di Chiarastella, e allunga nuovamente fino alla prima conclusione del primo mini tempo sul punteggio di 24-15 per i padroni di casa.

Nel secondo quarto il punteggio vede sempre i padroni di casa in vantaggio grazie alle triple di Genovese che riescono a contenere il ritorno dei biancazzurri che fino a meno di 5 minuti dalla sirena, inseguono a -6 sul punteggio di 37-31. Poi solo Treviglio che in 3 minuti polverizza gli avversari, dando spettacolo, realizzando un mini break di 13-0 per un punteggio che vede sorridere i padroni di casa sul 50-31 (+19 massimo vantaggio) che resisterà fino alla fine del secondo quarto.

Il terzo quarto si apre con i padroni di casa ancora a segno, ma per tutto il mini tempo, le difese dominano ed il vantaggio di Treviglio oscilla da +18, di metà quarto (56-38), al +25 a due minuti dal termine (65-40). Solo per la cronaca, il tempo si concluderà, con un canestro di De Laurentiis sul 65-42.

Nell’ultimo quarto Treviglio deve solo amministrare il super vantaggio. Agrigento con orgoglio prova a rimontare, e infatti poco più di 5 minuti dal termine dell’incontro gli ospiti si portano sul 70 a 55. I padroni di casa reagiscono immediatamente e realizzano ancora un mini break di 9 a 0, ritornando a +24 sul 79 a 55 ad un minuto dal termine, negando di fatto agli ospiti la magra consolazione di aggiudicarsi almeno un quarto. Negli ultimi 60 secondi si segnala il canestro di Pecchia che festeggia i suoi 19 anni e Zugno che realizza sulla sirena, per il risultato finale di 81 a 57.
Tabellini
Remer Treviglio: Paulius Sorokas 21 (6/7, 3/6), Adam Sollazzo 16 (7/10, 0/0), Tommaso Marino 13 (3/5, 2/7), Curtis Nwohuocha 12 (5/7, 0/0), Salvatore Genovese 9 (0/0, 3/5), Emanuele Rossi 8 (3/6, 0/0), Andrea Pecchia 2 (1/2, 0/1), Pierpaolo Marini 0 (0/3, 0/1), Luca Cesana 0 (0/2, 0/1), Nicholas Dessi 0 (0/0, 0/1), Andrea Mezzanotte 0 (0/1, 0/0)
Tiri liberi: 7 / 13 – Rimbalzi: 36 10 + 26 (Emanuele Rossi 10) – Assist: 24 (Adam Sollazzo 8)

Moncada Agrigento: Perrin Buford 24 (7/13, 2/4), Damen Bell-holter 10 (3/8, 0/2), Ryan Bucci 6 (3/4, 0/3), Ruben Zugno 6 (2/3, 0/1), Marco Evangelisti 4 (0/4, 1/4), Alessandro Piazza 3 (0/1, 1/1), Innocenzo Ferraro 2 (1/2, 0/1), Quirino De laurentiis 2 (1/5, 0/4), Albano Chiarastella 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/1)
Tiri liberi: 11 / 14 – Rimbalzi: 33 14 + 19 (Perrin Buford, Innocenzo Ferraro 7) – Assist: 14 (Innocenzo Ferraro 5)

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.