Trieste sfiora l’impresa all’Allianz Dome: l’Olimpia soffre ma alla fine porta a casa la vittoria

Serie A Recap

ALMA PALLACANESTRO TRIESTE – AIX ARMANI EXCHANGE MILANO 73 – 77

(13-23; 22-13; 21-16; 17-25) 

All’Allianz Dome, completamente esaurito in ogni ordine di posto per l’occasione, la Pallacanestro Trieste ha ospitato l’Olimpia Milano per la 15° giornata del campionato di Serie A. Alla fine a spuntarla è stata l’Armani, che, dopo aver dominato il primo tempo, ha subito la rimonta dell’Alma tra il secondo e il terzo quarto, riuscendo però a portare a casa la vittoria negli ultimi minuti di gara. JerrelsBertans, autori rispettivamente di 19 e 14 punti, infatti, hanno reso inutile la grande prova dei padroni di casa, a cui non sono bastati i 14 punti a testa di Mosley e Knox. In questa partita ha anche debuttato l’ex Milano Zoran Dragic con la canotta giuliana, ma anche ciò non è bastato per vincere e sperare ancora nelle Final Eight.

Milano parte forte con un parziale di 5-2 firmato Gudaitis-Fontecchio, ma Trieste tiene botta con Knox e poi pareggia con la tripla di Wright. L’Olimpia però continua ad essere pericolosa e con un parziale di 9-0 torna al comando della gara sfruttando Brooks e Fontecchio. Wright prova a ridurre il distacco, ma Bertans tiene a +9 gli ospiti. L’Alma torna poi a -5 con Knox e i primi punti di Dragic in maglia biancorossa, ma James e Della Valle spingono a +10 l’Armani, che chiude avanti il primo quarto. Nel secondo periodo Burns segna subito il +12, mentre Trieste si affida a Peric per restare in partita. L’Alma diventa poi più aggressiva e Milano soffre, così con un parziale di 9-0, in cui spicca Mosley, i padroni di casa tornano sotto fino al -3. Cavaliero riesce anche a pareggiare la gara e l’Alma impatta il match sul 26-26. Jerrels però non ci sta con la tripla riporta subito avanti l’Olimpia, ma ancora Cavaliero e poi Da Ros tengono attaccati i giuliani, che rispondono ad un nuovo tentativo dell’Armani di allungare il distacco. Non bastano quindi Bertans e Brooks all’Olimpia, che rischia il sorpasso da parte di Wright e compagni, ma riesce comunque a chiudere il primo tempo in vantaggio. Si va così all’intervallo lungo sul punteggio di 35-36.

Esordio amaro per Dragic contro la sua ex squadra.

 

Al rientro in campo l’Alma confeziona subito il sorpasso con Peric, che porta a +3 i suoi con due canestri in fila. Knox allunga anche a +5, ma Omic riporta presto a -3 Milano. Sanders non ci sta e con la tripla piazza ancora il +6 per l’Alma. Bertans e l’Armani però si riavvicinano pericolosamente, sfruttando le penetrazioni a canestro, fino al -1. Knox prova l’allungo ma Kuzminskas tiene lì Milano, tocca quindi a Fernandez e Cavaliero portare avanti i padroni di casa, che con un parziale di 6-0 arrivano al +8. Della Valle e Jerrels provano a far rimontare gli ospiti, ma Mosley e compagni resistono e chiudono a +4 il terzo quarto. Nell’ultimo periodo Bertans risponde subito al +6 di Mosley e l’Olimpia resta in partita. Fernandez e Knox tentano il nuovo allungo (+6), ma Jerrels e Cinciarini tengono botta e Milano torna a -2, trovando anche il pareggio con Gudaitis. La partita torna così in equilibrio: Wright e Sanders però non bastano a Trieste per tornare avanti, Milano tiene botta con Gudaitis e Jerrels e poi a meno di due minuti dalla fine trova l’allungo decisivo. Prima Bertans e poi Jerrels, infatti, segnano due triple in fila che significano +5 per gli ospiti. Peric e compagni ci provano fino al termine, ma ormai è troppo tardi, tanto che all’Olimpia basta l’1/2 ai liberi di James per vincere. Finisce 73-77.

ALMA PALLACANESTRO TRIESTE: Sanders 8, Dragic 2, Peric 10, Wright 7, Knox 14, Mosley 14, Cavaliero 9, Strautins 0, Da Ros 4, Fernandez 5, Coronica ne, Cittadini ne;

Coach: Eugenio Dalmasson

AIX ARMANI EXCHANGE MILANO: Jerrels 19, James 4, Brooks 3, Cinciarini 6, Gudaitis 11, Bertans 14, Della Valle 7, Fontecchio 5, Kuzminskas 4, Tosi ne, Omic 2, Burns 2;

Coach: Simone Pianigiani

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.