Troppo Valencia per la Reyer Venezia: i lagunari affondano nel secondo tempo

Coppe Europee Eurocup Home

 VALENCIA-VENEZIA 88-59

Il capitano, Goss, tiene in vita la Reyer, ma affonda nel secondo tempo
Il capitano, Goss, tiene in vita la Reyer, ma affonda nel secondo tempo

Dopo il colpaccio esterno a Sassari di domenica sera, è tempo per la Reyer Venezia di rientrare in campo, in Eurocup. Contro il Valencia serviva un’impresa per i lagunari, ma così non è stata: i veneti reggono due quarti, prima di capitolare sotto i colpi degli ospiti scatenatissimi, che liquidano senza problemi gli ospiti negli ultimi venti minuti.

Valencia parte subito all’attacco con Hamilton e Martinez, mentre Venezia trova i primi punti con Ruzzier e Peric (5-4, 3 minuti). I veneti restano a contatto con i lunghi, ma Martinez, con una tripla, dà il via alla fuga degli orange, portandoli sul +6 a metà quarto (14-8). Viggiano riduce il gap, ma Martinez è scatenato: 3 su 4 dai 6.75 e permette ai padroni di casa di andare sul 19-12, a due minuti e mezzo dalla prima sirena. I lagunari non impensieriscono più di tanto il Valencia, che mantiene invariato il gap fino al buzzer (23-16). Nel secondo parziale, Phil Goss si scalda e ingaggia, con l’aiuto di Green, un duello personale con Dublijevic: a cinque minuti dall’intervallo, Venezia è sotto di due possessi (31-27), con il capitano veneziano già a quota nove punti personali. Dopo un botta e risposta tra Peric e Hamilton, il lungo, ex Minnesota, chiude il parziale di 7-0, intervallato da una bomba di Van Rossom e un canestro di San Emeterio, portando i suoi alla fuga (40-29). Jackson sul finale tampona l’emorragia, segnando dall’arco a cinque secondi dalla sirena, Venezia chiude il periodo sotto la doppia cifra (40-32).

Non è giornata per Bramos
Non è giornata per Bramos

Di ritorno dalla pausa lunga, gli spagnoli mettono le cose in chiaro: 7-0 in apertura, per volare sul +15 (47-32). La Reyer vede gli avversari col binocolo, ma recupera cinque punti, per il -10, prima di sprofondare, con un parziale di 9-0, frutto di tiri liberi (59-41) a due minuti e mezzo dalla terza sirena. Ruzzier limita i danni con una tripla nell’ultimo minuto, chiudendo il periodo sotto di 16 (61-45). Nell’ultimo quarto, con Venezia ormai rassegnata, Valencia tocca il +21 in apertura (66-45). L’intero quarto è garbage time, Valencia è ormai inarrestabile e prosegue la sua marcia, toccando il +29 (84-55) a centocinquanta secondi dalla fine. Finisce 88-59, con i veneti che risparmiano i titolari nell’ultimo quarto, per farli rifiatare in vista della delicata trasferta di domenica a Brindisi.

VALENCIA: Stefansson 2, Trias 2, Van Rossom 8, Sato 4, Lucic 11, Dublijevic 15, Vives 2, Martinez 16, San Emeterio 2, Shurna 6, Hamilton 12, Sikma 8.

Sikma 9 rimbalzi (38 totali) Vives 9 assist (24 totali)

VENEZIA: Peric 8, Goss 14, Bramos, Tonut, Jackson 6, Green 2, Ruzzier 8, Owens 4, Ortner 6, Viggiano 11.

Jackson 5 rimbalzi (26 totali) Goss, Green 3 assist (12 totali)

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.