Tutti i record di Atlanta – Chicago: Trae Young riscrive la storia

Home NBA News

La gara fra Atlanta Hawks e Chicago Bulls, vinta da questi ultimi dopo quattro overtime, resterà di sicuro negli annali della NBA. Tantissimi i record fatti registrare dalle due squadre in questo match ma ancora di più sono stati quelli raggiunti da Trae Young con la sua prestazione mostruosa.

I suoi 49 punti sono il massimo per un rookie nella storia di Atlanta nonché l’high per tutte le matricole in questa stagione, inoltre il prodotto di Oklahoma raggiunge Michael Jordan, Oscar Robertson e LeBron James nel club di giocatori che (negli ultimi 40 anni) sono riusciti a far registrare 40 punti e 10 assist in una singola gara nel loro primo anno. Se invece si parla di 45+10+5 assist solamente MJ e Robertson, oltre a Young, ci sono riusciti finora. L’ex Sooners diventa il settimo rookie a segnare 35 punti conditi da 5 assist in due gare consecutive: tutti i suo predecessori sono poi diventa Rookie of the Year ed entrati nella Hall of Fame. Young, inoltre, è il quarto giocatore nella storia della NBA a segnare due canestri del pareggio o del sorpasso negli ultimi 5” del quarto periodo o di un overtime nella stessa partita: anche qui è in ottima compagnia insieme a Victor Oladipo, Ray Allen e Kobe Bryant. Inoltre la matricola di Atlanta eguaglia Allen Iverson che fino a stanotte era stato l’unico a segnare 120 punti totali in tre gare di fila alla prima stagione nella Lega.

Passando poi ai record di franchigia, sia i 168 punti realizzati dai Bulls che i 161 degli Hawks rappresentano il massimo nella storia delle due squadre. La partita di stanotte è stata la terza in assoluto nella storia della NBA con due formazioni con almeno 160 punti segnati e la terza per punti complessivi: meglio hanno fatto solamente Milwaukee – San Antonio nel 1982 e Pistons – Nuggets nel 1983. Di conseguenza si tratta del match con il punteggio più alto nel nuovo millennio. Questa partita è stata la quindicesima in NBA  a concludersi con almeno quattro supplementari, curiosamente le ultime tre gare hanno sempre viste coinvolte Chicago o Atlanta: proprio gli Hawks erano in campo nell’ultima occasione, a Gennaio del 2017, contro i Knicks.

Zach Lavine ritocca il suo career high dopo meno di una settimana: il 23 Febbraio con Boston ne aveva segnati 42, stanotte è arrivato a 47. Infine menzione speciale per Vince Carter: a 42 anni diventa il giocatore più vecchio ad aver giocato 45 minuti in una singola partita.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.