Un bel regalo per i 90 anni di Capo d’Orlando: la Betaland vince il memorial Basciano

Serie A News

Una Betaland finalmente al completo è scesa in campo, ieri, contro la Juve Caserta, piena di energie per la finale del memorial Basciano.
Dopo la vittoria contro Ferentino, l’Orlandina ha dato il massimo, mettendo finalmente in luce i suoi talenti nell’ormai familiare palazzetto di Trapani: un grandissimo Simas Jasaitis, MPV del torneo, ha realizzato 17 punti determinanti per la vittoria, un Orihaki brillante, che con 10 punti e ben 15 rimbalzi ha fatto sentire tutta la sua fisicità sotto canestro e i soliti Nicevic e Basile che si sono fatti notare con i loro 10 punti.

 

68-79 (15-16, 27-37, 44-61)

Uno scontro fra ex anima il gioco sotto canestro, l’ex biancazzurro Hunt, numero 4, non riesce, però, a contenere Orihaki che regala una splendida

schiacciata già dall’inizio della partita. Numeri da cecchino per Ilievski che dall’arco fa un 7-8 dopo il 6′. Sul 9-14, Caserta ritrova il ritmo grazie ai 5 punti di Amoroso e il primo quarto si chiude 15-16.

Il secondo quarto vede una Betaland fortissima in partenza: le triple di Perl, Nicevic e Baso sanciscono il 18-23 qualche secondo dopo il 2′. I campani però non dermono e tornano vicinissimi sul 25-28, ma la rimonta dura solo un attimo. La Betaland si porta sul +10 sul finale, grazie alla stoppata di Perl e alle triple di Jasaitis e Orihaki, il lituano porta anche a casa i punti di un fallo importante.

La schiacciata di Bowers al rientro sul parquet, orchestrata magistralmente dal gioco di Jasaitis e di Perl e i puntid i Orihaki su assist di Bowers, portano Capo d’Orlando sul +16 (32-48). Due canestri di Gianluca Basile e uno di Simas Jasaitis, il lituano subendo anche fallo e realizzando il libero supplementare, portano Capo d’Orlando avanti 37-59 a 2’ dalla sirena. Alla sirena del terzo quarto è 44-61. Rallentano un po’ i ritmi nell’ultimo quarto e Caserta torna sul -10, ma Ilievki e Jasaitis dai 6.75 riportano la situazione in situazione di tranquillità (58-76 a 3’ dalla fine). Termina 68-79 con l’ultimo canestro di Simas Jasaitis.

fotoUn bel regalo, insomma, per gli abitanti di Capo d’Orlando che ieri festeggiavano anche i 90 anni di indipendenza della città e che, finalmente, hanno potuto vedere giocare la loro squadra al massimo delle sue capacità.

 

 

Juve Caserta: Downs 20, Hunt 8, Cinciarini 13, Amoroso 10, Jones 7, Gaddefors, Giuri 6, El-Amin 4, Ingrosso ne, Ghiacci ne, Siva ne, Esposito ne.
Orlandina Basket: Ihring, Basile 10, Ilievski 11, Laquintana 4, Perl 7, Nicevic 10, Jasaitis 17, Bowers 6, Oriakhi 14, Vujicevic ne, Babilodze ne.
Arbitri: Quarta, Bettini e Calbucci.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.