Un Logan strepitoso vince il “Geovillage” all’overtime. Avellino perde anche contro il Darussafaka

Serie A News

Dinamo Banco di Sardegna 83 – Brose Baskets Bamberg 78

(17-15; 13-9; 17-25; 25-23; OT: 11-6)

I sardi della Dinamo sono riusciti ad aggiudicarsi il Torneo Geovillage solo dopo un overtime contro i campioni di Germania del Brose Bamberg, allenati dall’italiano Andrea Trinchieri.
Primo tempo abbastanza equilibrato ma con Sassari che è brava a tenere il punteggio relativamente basso ma avere dei piccoli scarti a fine di ogni quarto (2 e 4) che la fanno andare negli spogliatoi per l’intervallo lungo sul 30 a 24. Essere in vantaggio di sei punti è buono ma di certo non può far dormire sonni tranquilli, soprattutto se hai davanti un certo Wanamaker, il quale abbiamo visto a Pistoia due stagioni fa, famoso per essere stato colui che stava quasi per sacchetti sassarieliminare la corazzata Olimpia Milano ai playoff.
La Dinamo torna un po’ troppo appagata dall’intervallo e subisce un parziale di 17 a 25 abbastanza traumatico che potrebbe mandare in crisi molte squadre, ma Sassari ha imparato dalla serie contro Milano ad avere una forza mentale superiore rispetto a quella dei cugini Diener. Il definitivo 47-49 Brose lo segna Olaseni, trasformando due tiri dalla linea della carità; da sottolineare come in precedenza Miller abbia realizzato un gioco da quattro punti, possesso decisivo per riportare la partita in parità.
Sassari parte decisamente bene nell’ultima frazione di gioco, ritrovando praticamente subito il vantaggio, andando sempre più ad aumentarlo, finché manca circa un minuto alla fine ed è a +4. Staiger ha palla in mano e segna il -2 poi due liberi di Theis fissano il punteggio sul 72 pari: overtime.
Qui sale in cattedra Logan che delizia i sassaresi con delle giocato “alla David Logan” e conduce i suoi alla vittoria del terzo Torneo Geovillage per 83 a 78.

Dinamo – Haynes 14, Petway 8, Logan 23, Formenti 1, Togashi 3, Pellegrino, Devecchi,  Alexander, D’Ercole,  Marconato, Sacchetti 9, Eyenga 17, Varnado 8. All. Meo Sacchetti

Bamberg – Staiger 14, Theis 10, Wanamaker 19,  Mueller 2, Kratzer, Taras, Miller 11, Dragovic 3,  Olaseni 9,  Heckmann 2,  Idbihi 8, Dumars.  All Andrea Trinchieri

Sidigas Avellino – Darussakafa 54-75

(11-14; 13-23; 22-16; 8-22)

Avellino, in netto ritardo di preparazione dovuto ad una formazione della squadra ritardato per varie motivazioni, si è dovuta arrendere anche al Darussafaka, squadra che sarà nel girone di Sassari in Eurolega ma che non può contare su moltissimi turchi impegnati ad Eurobasket, come Erden, colui che ha dominato l’Italia. Sostanzialmente gli irpini erano andati

Ivan Buva nel mirino di Avellino
Ivan Buva nel mirino di Avellino

in letargo a fine primo tempo, anche se nel terzo quarto hanno avuto un colpo di coda, portando il divario a sole sette lunghezze. Peccato che la tenuta fisica è troppo importante in questo periodo dell’anno e l’8 a 22 del quarto quarto dimostra quanto detto sopra. Sconfitta netta e meritata di Avellino per 54 a 75; le uniche note positive sono Green, uno dei primi arrivati, e Buva, che non ha mai smesso di allenarsi perché era in ritiro con la Croazia, i quali hanno realizzato venti punti a testa.

Sidigas Avellino: Norcino, Picariello n.e., Veikalas 7, Gioia n.e., Acker 2, Green 20 , Severini 2, Pini 3, Buva 20, Parlato. Coach: Sacripanti

Darussafaka Dogus: Yagmur 7, Redding 6, Turen 3, Geyik 6, Ozdemiroglu 4, Gordon, Arslan 3, Dudley 10, Slaughter n.e., Harangody 15, Bjelica 18, Preldzic 3. Coach: Mahmuti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.