Una lettera del CIO fa tremare il CONI: a rischio le Olimpiadi per l’Italia

Home Nazionali News

La legge di riforma del CONI, ancora oggetto di discussione in parlamento, continua a far discutere. Dopo gli aspri confronti fra l’esecutivo e i vertice del Comitato Olimpico Italiano, adesso è il CIO a far sentire la sua voce, evidenziando ancora una volta che la riforma, così come è adesso, limiterebbe troppo l’autonomia del mondo dello sport rispetto alla politica.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha inviato una lettera a Giovanni Malagò, nella sua doppia veste di presidente del CONI e di membro del CIO, evidenziano il fatto che la riforma comprenderebbe norme non aderenti ai principi della Carta Olimpica. Se la proposta diventasse legge così come è, senza modifiche, l’Italia potrebbe essere esclusa dalle Olimpiadi di Tokyo 2020 e addirittura vedersi revocata l’assegnazione dei Giochi Invernali 2026.

Il CIO comunque ha chiesto ufficialmente a Malagò di trasmettere queste osservazioni al Governo, invitandolo a collaborare con esso per modificare il disegno di legge.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.