Varese è un carro armato: per Rilski non c’è storia a Masnago

Coppe Europee Europe Cup Home

PALLACANESTRO VARESE – RILSKI SPORTIST 86-59
(23-17/22-12/21-18/20-12)

Varese demolisce il Rilski Sportist nella prima gara di ritorno del gruppo F. I biancorossi tornano alla vittoria dopo lo stop in Ungheria contro Alba Fehervar e mantengono il secondo posto.

Un grande gioco corale permette ai padroni di casa di andare con forza in testa alla gara: il 15-5 di break spezza in due la disputa, portando subito all’inseguimento i bulgari. Il tandem GiorgievMarinov riavvicina Rilski ma ancora le due triple di Tambone e Ferraro rimettono Varese fortemente avanti, con Edwards che riacciuffa il -5 solo nei minuti conclusivi (23-17).
Nel secondo periodo ecco in scena il primo momento “do or die” della partita: gli ospiti rimangono sul pezzo per un paio di minuti, mettendo fiato sul collo di Caja e dei suoi ragazzi; la tripla di Natali però apre al parziale di 9-0, proseguito da Archie e Cain, nel momento peggiore dei biancoblu, che non trovano un punto per almeno 6 minuti consecutivi. Varese ha dunque la possibilità di chiudere in bellezza il secondo periodo, ampliando il vasto vantaggio con due triple che mettono a più di 15 lunghezze gli avversari alla sirena del ventesimo (45-29).

Al ritorno in campo il copione non sembra cambiare, nonostante Rilski sia decisamente più in partita rispetto al pessimo quarto precedente. Varese ha il pallino della gara tra le mani e, forte del proprio vantaggio, dirige con maestrìa a Masnago. La tripla di Ferraro vale il +21, e ogni tentativo bulgaro, soprattutto dalla bravura di Harris IV, va a infrangersi contro il muro varesino, sorretto da Avramovic e compagni. Tambone, Bertone e Iannuzzi si uniscono alla festa, mentre Bozov e Jenkins cercano di rosicchiare qualche punto prima della sirena, che arriva senza sostanziale differenza (66-47).
L’ultimo periodo è sostanzialmente una passerella per i padroni di casa, quasi sicuri della sontuosa vittoria. Scrubb segna per il +20, mentre gli ospiti si affidano a un Edwards impeccabile da tre punti. I canestri sono comunque pochi per i biancoblu, che vengono successivamente travolti dai locali; il 14-4 di break finale è una croce per Rilski. La gara va verso la fine e, alla sirena, è festa a Masnago per gli uomini di Caja (86-59)

PALLACANESTRO VARESE Bertone 4, Ferrero 10, Gatto 2, Tambone 11, Verri 2, Archie 7, Avramovic 8, Cain 17, Iannuzzi 6, Natali 8, Scrubb 11

RILSKI SPORTIST Barro 2, Marinov 11, Hadzhirusev 0, Marincheshki 0, Vasov 0, Bozov 9, Edwards 8, Gelov 0, Georgiev 2, Gugino 4, Harris IV 12, Jenkins 11

fonte foto: FIBA.basketball

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.