Varese “forza 4”: vince anche in Portogallo e trova la quarta vittoria europea

Coppe Europee Europe Cup

FC PORTO – PALLACANESTRO VARESE 71-89
(14-21/22-16/22-29/13-22)

Varese non ferma la corsa in Europe Cup e porta a casa anche il ritorno della sfida contro Porto. Fatale per i portoghesi il secondo tempo, dove i lombardi sono letteralmente volati grazie a un super gioco espresso.

Pronti e via, Moore e Archie si rendono subito protagonisti nel +11 biancorosso, utile per scrollarsi di dosso gli avversari alla prima metà di quarto. I padroni di casa sbagliano tanto, mentre Varese trasforma le 11 lunghezze di distanza in 14 con Avramovic e Cain nel break di 7-21. Sheehey prova a scuotere i suoi dalla distanza e il suo 7-0 di controbreak basta per riavvicinare i suoi alla sirena (14-21). Porto ricomincia a crederci e, trascinata dal suo numero 16, recupera punto dopo punto i ragazzi di coach Caja, per un paio di minuti fermi a 0 sul tabellino; Archie dopo il timeout interrompe il periodo di magra, ma i locali hanno ormai preso coscienza e ad ogni colpo corrisponde un contraccolpo avversario, in un ping pong acceso di sorpassi e pareggi. I portoghesi fanno un passo più lungo mettendo in discussione il risultato; Archie è però provvidenziale e per due volte aggiusta dall’arco (36-37).

Al ritorno nel parquet Varese dimostra maggiore aggressività, digrignando i denti e andando a strappare la gara con ferocia agonistica: i biancorossi scappano a +6 con un ottimo gioco corale che porta il quintetto a canestro nei primi 3 minuti di gara. Pinto e Quieroz provano a stare dietro, ma Scrubb e Archie sono metronomi e dettano i tempi per il lungo doppio possesso di vantaggio palesato al Dragao. Bertone mette la firma sul +9 e Porto non si riprende facilmente, toppando clamorosamente le tante occasioni avute. Gli ospiti abbassano il ritmo trovando comunque punti importanti con Cain e Avramovic, mentre la modalità REM dei padroni di casa sparisce nelle ultime azioni (58-67). Cain rimette 10 punti tra le contendenti, in una frazione dominata da stanchezza e poca lucidità al ferro: a metà è 3-4. Natali si iscrive al referto e, con due triple, mette in ginocchio un Porto troppo impreciso.  La gara prosegue verso la fine, con i lombardi che si tolgono qualche sfizio giocando con il cronometro nel garbage time. Il +20 non va in porto per un pelo e alla sirena è 71-89 (71-89).

FC PORTO: Araujo 0, Bastos 9, Borovnjak 17, Pinto 13, Voytso 0, BArac 5, Monteiro 0, Prostan 5, Queiroz 8, Sheehey 15, Soares 0

PALLACANESTRO VARESE: Cain 11, Gatto 0, Natali 12, Tambone 5, Verri 0, Avramovic 4, Archie 17, Bertone 9, Iannuzzi 3, Ferrero 2, Moore 15, Scrubb 11

foto: fiba.basketball

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.