Luis Scola scarica la palla

Varese si infiamma nella quarta frazione, il tiro da tre punti decide la gara contro la Fortitudo

Home Serie A News

LAVORO PIU’ FORTITUDO BOLOGNA – PALLACANESTRO OPENJOBEMTIS VARESE: 83-88

(22-29, 23-14, 22-19, 16-26)

E’ il tiro da tre punti a consegnare la seconda vittoria a Varese. Un Toney Douglas infallibile nel quarto quarto (5/9 dalla lunga distanza) influenza anche i compagni di squadra che imitano l’americano, trovano non solo il coraggio ma anche i punti che decidono la partita e condannano la Fortitudo alla seconda sconfitta di fila. Una sconfitta che sembrava impensabile quando nella terza frazioni i bolognesi avevano trovato la quadra per poter condurre e mettere in difficoltà gli ospiti. Non basta il dominio sotto le plance dei bianco blu, non basta la panchina dell’Aquila. Influenti i 20 punti di Douglas e l’aiuto di un supporting cast sopra le righe. Oltre alla guardia americana, scollinano la doppia cifra De Vico (12), Strautins (14) e Scola (13).

La gara

Mani fredde per la Fortitiudo, Scola caldissimo per Varese. I padroni di casa cominciano con molti rimbalzi offensivi ma 1/6 da tre punti da oltre l’arco mentre Scola è già magistrale. L’argentino trova il fino della retina con 10 dei primi 15 punti della Openjobmetis, 2/3 da oltre l’arco, lo stesso numero segnato da Bologna. Ma Varese non è solo Scola. Gli ospiti chiudono gli spazi in area e dalla panchina escono anche De Nicolao e Morse con l’energia giusta per infiammare un parziale aperto di 0-9 per il 12-19. Ci pensano Withers e Sabatini ad interrompere l’ottimo momento degli ospiti costringendo Massimo Bulleri a chiamare il primo timeout dopo aver subito un contro parziale di 5-0. Varese si riprende subito. Jakovics e Strautins fanno 3/3 da oltre l’arco per restare sul +7, 22 a 29, entrando nel secondo quarto.

I biancorossi faticano ad entrare nella frazione. La Fortitudo stringe la difesa, forza ben 3 delle 7 palle perse varesine al 13esimo e trova un paio di bombe tra cui la prima di Pietro Aradori. Ma è un attimo prima che Varese riprenda in mano l’inerzia della gara. Douglas segna 5 punti in un amen e Scola affonda la sua terza tripla (13 punti) di serata per il 30-37 a metà del secondo quarto che non abbatte Bologna. I ragazzi di Sacchetti tengono alta la concentrazione e rispondono con un parziale di 13-2 con cui passare in vantaggio sul 41-37. Andando verso l’intervallo è uno scambio di colpi che va in scena alla Unipol Arena di Casalecchio e ad avere la meglio è il quintetto di Sacchetti che domina a rimbalzo offensivo e chiude sul 45-43.

Apparentemente più deciso il ritorno in campo dei bolognesi. La Fortitudo accelera, Varese ci mette il fisico ma subisce l’iniziativa della squadra bolognese che riesce a mantenere il vantaggio trovando sia le soluzioni in area sia la verve da oltre l’arco con Withers per il 58-54. E’ costante il tira e molla tra le due squadre: la Fortitudo avanza grazie ad un’ottima prestazione di un Whiters da 15 punti al 25esimo e la Openjobmetis segue riuscendo più volte ad agganciare la formazione di casa. A fare la differenza verso il tramonto del terzo quarto è la costanza e la cattiveria dei padroni di casa che danno una spallata a Varese. Il parziale di 9 a 0, firmato Sabatini, Withers, Palumbo e Fletcher permette all’aquila di salire sul 67-58 mandando in crisi i prealpini. Solo una tripla di Toney Douglas restituisce fiducia a Varese.

E’ ancora il tiro dalla lunga distanza a tenere a galla la Openjobmetis. Giovanni De Nicolao mostra il carattere con la tripla del -2 sul 67-69, importante per non concedere alla Fortitudo troppo distacco e poi Toney Douglas conta sei punti di fila con due bombe da 10 metri per il 71-70 e poi anche per il 74-73. La Opebjobmetis sembra non averne abbastanza. E’ calda e vuole affondare la Fortitudo col tiro da oltre l’arco: a segno Ruzzier che sancisce il pareggio tanto cercato dai varesini a quota 76 a 4 dalla fine, De Vico segue con altre due bombe per valorizzare gli sforzi in area di Strautins e Varese sale sul 78-85. A 50 secondi falla fine, Bologna si ritrova a rincorrere come non ha mai fatto nella partita. La Fortitudo non si arrende, ma non riesce a recuperare lo svantaggio nonostante il -3 a poco meno di 10 secondi dalla fine. Il 2/2 di Strautins chiude ogni discorso, 83-88 Varese.

Tabellino

Fortitudo Bologna: Banks NE, Aradori 17, Mancinelli 3, Dellosto 0, Fletcher 17, Palumbo 6, Fantinelli 11, Happ 12 e 12 rimbalzi, Withers 17, Totè 0, Sabatini 1; 

Pallacanestro Varese: Morse 6, Scola 13, De Nicolao 5, Jakovics 6, Ruzzier 7 e 7 assist, Andersson 5, Strautins 14, De Vico 12, Douglas 20;

Foto copertina: sito ufficiale Pallacaneastro Varese

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.