Verona fa 4/4, ma Roseto si scioglie solo nell’ultimo quarto

Serie A2 News

TEZENIS VERONA-SAPORI VERI ROSETO 82-62

(17-15, 20-18, 24-17, 21-9)

Verona serve il poker, superando Roseto sul parquet amico. Il risultato finale, però, è ben diverso da ciò che si è visto in campo, perché per oltre 30′ gli ospiti hanno tenuto botta, giocando una partita ai limti della perfezione. Poi, negli ultimi 10′ è emersa tutta la differenza di talento tra le due squadre, soprattutto con la mancanza di un tiratore dalla lunga distanza per i ragazzi di D’Arcangeli (4/28).

Iniziano meglio le difese rispetto agli attacchi, sono asfissianti e non lasciano nessun tiro facile. Il punteggio scorre sul filo dell’equilibrio fino al 6′, quando Lattin infila i punti del +5. L’ingresso di Rosselli, come prevedibile, gira la partita e Roseto inizia a fare molta più fatica. Le scorribande dell’ex Fortitudo permettono a Verona di tornare in vantaggio, e chiudere i primi 10′ sul 17-15. Il copione non cambia, gli ospiti continuano a non trovare canestro ma reggono in difesa, iniziando però a patire qualche problema relativo ai falli. Un’ottimo Rupil guida un break di Roseto, che torna a +5 dopo diversi minuti. Tuttavia Rosselli e Poletti, che gli abruzzesi soffrono a rimbalzo in attacco, rimettono il punteggio in parità. A metà partita, il parziale recita 37-37. Dagli spogliatoi esce meglio la Sapori Veri, che gioca con molta più fluidità in attacco, e trova il +6 con i canestri di Canka e Menalo. La gioia, però, dura poco, perché Hasbrouck torna a giocare ai suoi livelli, mettendo due triple pesanti dopo aver sonnecchiato. Con Lattin a 4 falli, Candussi e Udom hanno libertà nel pitturato e confezionano il primo allungo. Il terzo quarto termina sul 61-54. Negli ultimi 10′ non c’è partita, Hasbrouck continua a scagliare bombe nel canestro di Roseto e allunga spaccando la partita. Anche gli Sharks cercano il tiro da 3, ma a differenza degli avversari non trovano mai canestro. Nei minuti iconclusivi il gap si fa pesante, e arriva a toccare il +23, prima dei punti di Ciribeni. Il match termina 82-62.

Verona: Beghini, Poletti 10, Guglielmi, Love 2, Tomassini 2, Candussi 11, Prandin, Rosselli 9, Udom 17, Severini 5, Morgillo, Hasbrouck 24. All: Luca Dalmonte

Roseto: Mabor 2, Lattin 10, Giordano 10, Menalo 7, Mouaha 1, Canka 9, Nikolic 3, Oliva ne, Ciribeni 2, Rupil 8, Bayehe 9, Pierich ne. All: Germano D’Arcangeli

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.