Verso Avellino – Capo d’Orlando, le parole di Sacripanti e Di Carlo

Serie A News

LE PAROLE DI STEFANO SACRIPANTI (fonte: Ufficio Stampa Scandone Avellino)

“Contro Capo d’Orlando conterà l’intensità, la ferocia difensiva ma anche la tecnica nel tatticismo: loro hanno alcune situazioni particolarmente chiare e noi dovremo essere bravi a limitare il loro pick and roll dalla transizione, a togliergli le linee di passaggio e a limitare la loro circolazione di palla. Difensivamente mettono in difficoltà cambiando tantissimi schieramenti difensivi: dovremo stare attenti a non essere superficiali e a non cedere a scelte affrettate. È una partita importante: mancano 4 gare al giro di boa ed è stimolante per noi sapere che stiamo lottando, insieme ad altre 4 squadre, per definire la classifica del girone di andata. Non pensiamo che Wells riesca ad essere della partita domani: sta svolgendo lavoro differenziato con il preparatore atletico Silvio Barnabà e speriamo che a partire dal 29 dicembre possa aggregarsi al resto del gruppo. È stato un infortunio abbastanza lungo, e che pensavamo fosse meno grave, ma la squadra, malgrado qualche difficoltà, se l’è cavata egregiamente, mostrando un grande senso di responsabilità. Il recupero di Fesenko procede secondo programma; anche N’Diaye ieri si è allenato, malgrado il colpo subito nell’ultima partita. Quello che ha sofferto di più a strare fermo è stato Jason Rich, che ha avuto un’infiammazione tendinea, ma anche lui ieri si è allenato col resto del gruppo. Fitipaldo è rientrato dall’infortunio un po’ sfiduciato e frustrato, ma adesso deve riuscire a stare in campo riuscendo a tenere un 1 vs 1 difensivo, cercando di intercettare ogni passaggio e aiutando i compagni nelle rotazioni difensive, cercando di capire qual è l’obiettivo di ciascun gioco, che sono cose importantissime e di cui la squadra adesso ha bisogno in questo momento: da quando è tornato ha dimostrato una grande attenzione, soprattutto difensiva, grazie al grande lavoro che svolge ogni giorno con i nostri assistenti. Colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti per queste feste e spero che domani ci sia tanta gente al PalaDelMauro: lavoreremo ancora di più per dimostrare che siamo una squadra che merita l’affetto della gente di questa città”.

LE PAROLE DI GENNARO DI CARLO (fonte: Ufficio Stampa Betaland Capo d’Orlando)

Si va ad Avellino ad affrontare una partita molto difficile, contro un avversario sicuramente forte che negli ultimi anni ha dimostrato grande continuità di rendimento, da squadra stabile nelle prime quattro del campionato e abituata a giocare le coppe. Avellino oltre ad avere un organico molto completo e profondo, pieno di talento e taglia fisica, esprime soprattutto grande mentalità. Per noi si tratta di una gara importante, a quattro giornate dalla fine del girone di andata siamo ancora in piena corsa per un posto nella Final Eight di Coppa Italia, per questo andremo al PalaDelMauro per fare una partita consistente e per mettere in difficoltà gli irpini. Fatto questo, vedremo se ci sarà la possibilità di cogliere un successo che sarebbe molto importante. Secondo me la squadra è in crescita, vedo miglioramenti costanti, ad Avellino dobbiamo tornare a esprimere una buona pallacanestro: contro Brindisi abbiamo vinto soprattutto una partita di carattere, di determinazione e di voglia, ma non con una buona qualità di gioco. Rispetto all’ultima trasferta, a Varese, mi aspetto una squadra che dia un segnale di ripresa, di consistenza mentale e di capacità di fare la partita anche fuori casa. Ogni partita è un test per verificare i nostri miglioramenti, la sfida di Avellino vuol dire anche questo“. Coach Di Carlo parla anche di una notizia molto importante: il rientro di Vojislav Stojanovic, infortunatosi gravemente proprio contro la Sidigas il 23 aprile scorso e ora pronto a tornare in campo con i suoi compagni: “Voja Stojanovic sarà della contesa, non vedevamo l’ora. Riprenderà dopo un lungo periodo di riabilitazione successivo a un grave infortunio patito proprio contro Avellino lo scorso aprile. Per noi sarà un’aggiunta importante, prima di tutto perché come ragazzo incarna in termini di mentalità l’orlandino perfetto, sicuramente darà il suo apporto di carattere e mentalità alla squadra. Naturalmente bisogna tenere conto che sarà la sua prima partita dopo un lungo stop, sarebbe da folli pensare che possa essere decisivo ad Avellino, però è un primo passo importante. Voja ci darà una mano ad allungare le rotazioni sul perimetro e ci darà forza fresca, soprattutto a livello di energia mentale, e questo per noi è già tantissimo. Sono anche curioso di vedere cosa potrà fare dopo tanto tempo ma sono soprattutto fiducioso: poter contare sul suo apporto fin da Avellino sarà molto importante“.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.