Verso Bologna – Trieste: le parole di coach Sacripanti prima del match

Serie A News

Inizia domani il girone di ritorno del campionato di Serie A Postemobile 2018-2019, e al PalaDozza arriva l’Alma Trieste, “rookie” della stagione con tanta passione per il basket alle spalle, protagonista fin qui di un campionato estremamente positivo. Coach Pino Sacripanti si prepara alla sfida contro la truppa di Eugenio Dalmasson, che certamente non sottovaluta. Partendo da un paio di traguardi conquistati recentemente, che lo inorgogliscono.

“Sono soddisfatto dei risultato ottenuti. Abbiamo conquistato la Coppa Italia vincendo a Varese, poi una vittoria importante in Basketball Champions League ci ha permesso di essere al comando del nostro gruppo a tre giornate dalla fine della prima fase. Ci sono stati alti e bassi nel nostro percorso, ma è stato formativo per la squadra e adesso abbiamo raggiunto due importanti obiettivi”.

“Inizia il girone di ritorno e ci aspetta una gara che vale tantissimo, se dovessimo vincere domani il distacco delle prime otto in classifica sulle altre diventerebbe importante. E’ una sfida dura, perché Trieste ha giocatori di fascia alta a cominciare da Whright e Peric, poi Cavaliero, i due lunghi. E’ un roster che dà diverse soluzioni, e che permette di giocare una pallacanestro molto solida.Una formazione insidiosa. Dovremo essere bravi e molto attenti, sprecando meno possibile, e avere tanta voglia di portarla a casa”.

“Il fattore campo? Influirà, deve influire. I nostri tifosi non sono mai mancati. Domani sarà una sfida importante per tutti: dobbiamo sviluppare un basket di alto livello, dopo questo momento positivo è arrivata l’ora di dare continuità a questi splendidi risultati”.

“La squadra di Taylor? E’ corretto pensarlo, anche se io ragiono sempre a 360 gradi. Ma Tony non è mai stato fuori da qwuesta squadra, a volte è stato limitato dai falli, ma le sue prestazioni sono sempre di altissimo livello. E’ un leader, un giocatore forte che è sempre più in sintonia con la squadra e con me. Dietro ci sono Pajola e Cappellletti: il primo sta facendo un percorso formativo, il secondo è partito forte ma deve dimostrare solidità ed equilibrio”.

“Pajola in prestito? Sono un po’ fuori da queste voci, non mi risulta però. Da allenatore dico che Pajola è un’arma tattica perfetta, all’andata su Fernandez è stato decisivo. Sia lui che Cappelletti sono consapevoli del lavoro che gli sto facendo fare, spero che possano darci tanto”.

“Da Moreira mi aspettavo quello che abbiamo visto. Ha dato tutto, ora attraverserà un momento fisiologico in cui potrebbe avere le gambe un po’ più pesanti. L’altro giorno mi ferma un tifoso per la strada che mi ha chiesto il perché dei 20 minuti a Qvale in Coppa. L’idea è questa, sfruttare una partita a settimana per lui per dargli una stabilità maggiore. Moreira ci può dare tanto in allenamento e in campionato. Darò la formazione domattina, l’idea comunque ce l’ho chiara”.

Fonte: Ufficio Stampa Virtus Pallacanestro Bologna

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.