Verso Torino-Pistoia, le parole di Galbiati e Esposito

Serie A News

Domani la Fiat Torino torna tra le mura amiche: alle 17 palla due contro la The Flexx Pistoia, un’occasione di riscatto dopo tre sconfitte consecutive. Gialloblù chiamati al cambio di passo dopo tre sconfitte consecutive e spronati a far bene dall’intero ambiente.

PAOLO GALBIATI, COACH FIAT TORINO

“Di qui a fine stagione dovremo rendere inviolabile il nostro fortino per continuare ad alimentare l’obiettivo playoff. Fondamentale sarà iniziare a farlo da domani. La The Flexx è in un buon momento, come hanno dimostrato la vittoria di domenica scorsa contro Venezia e la sconfitta di misura della domenica precedente contro Reggio Emilia. Miglior squadra per rimbalzi in attacco, Pistoia arriverà al PalaRuffini “leggera” e con l’ormai quasi certezza di aver conquistato la salvezza. Ha cambiato molto rispetto al girone d’andata e gode dell’ottimo momento di McGee, autore di 29 punti nell’ultima uscita. Il suo rendimento andrà limitato. Presenta inoltre un ottimo gruppo di giocatori italiani, Mian, Gaspardo, Laquintana e Magro, che seguono nel dettaglio i dettami imposti da coach Esposito e vengono orchestrati in campo dal cervello Ronald Moore. Noi dovremo essere bravi a fare la nostra partita ed attaccare i loro punti deboli, sfruttando il nostro talento e limitando il già citato Moore e i loro tiratori. Mi aspetto le facce giuste da parte dei miei giocatori ed il solito sostegno del pubblico amico. C’è grande rispetto ed amicizia tra le due tifoserie, basti dire che a Firenze i tifosi di Pistoia erano accanto ai nostri ad incitarci durante la cavalcata in Coppa Italia. Sappiamo che la lotta playoff sarà aperta fino alla fine e vogliamo provare in ogni modo a raggiungerli”.

Fonte www.auxiliumpallacanestro.com

ENZO ESPOSITO, COACH THE FLEXX

“Speriamo che la vittoria di cinque giorni fa contro i campioni d’Italia -afferma a tal proposito coach Esposito nella consueta conferenza stampa pre-partita- ci serva per affrontare il finale di stagione con un pizzico di serenità in più. Serenità che non significa rilassatezza, ma che comunque ci permetterebbe di giocare in maniera un po’ più leggera. E’ stata una stagione molto difficile, soprattutto per quei giocatori non abituati a vivere stagioni particolarmente tribolate, ma la gara con Venezia spero abbia dimostrato a tutti che, con un certo tipo di atteggiamento, ce la possiamo giocare con tutti”.

Il tecnico spera che dalla prestazione contro i campioni d’Italia si possa ripartire: “Sappiamo che il nostro calendario è duro -dichiara Esposito- e la salvezza, seppur più vicina, non è ancora raggiunta. Al di là di questo, però, il nostro obiettivo deve essere quello di fare più punti possibili da qui alla fine, perché chiudere in crescendo, dopo una stagione così, sarebbe importante”.

La prima tappa dell’ultimo mese e mezzo di stagione è costituita dalla trasferta di Torino: “Affrontiamo una squadra che per il valore del roster -spiega il coach- dovrebbe stare fra le prime otto della classifica. Come nomi, esperienza e qualità, Torino vale i primi posti, ma hanno avuto anche loro una stagione travagliata, anche se non come la nostra, piena di alti e bassi e quindi a oggi non sono laddove forse era lecito aspettarsi. Non ci dimentichiamo però che un mese fa hanno vinto la Coppa Italia, sono comunque intervenuti nel corso della stagione con decisione sul mercato e dispongono di una qualità che, potenzialmente, può consentire loro anche di dominare una singola partita. Se trovano la giornata giusta -prosegue Esposito- possono segnare 100 punti, dominare a rimbalzo, e battere chiunque. Noi dovremo essere bravi a individuare, nel corso del match, in quale aspetto stanno incontrando qualche difficoltà e provare a sfruttare le situazioni che ne possono derivare”.

L’ultima considerazione Esposito la riserva per il mercato: “Ho espresso alla società il desiderio di avere un giocatore per affrontare al meglio il finale di stagione, visto l’infortunio di Diawara. La dirigenza lo sa, ma allo stesso tempo tutti sappiamo che il mercato per noi è estremamente complicato, anche per il fatto di non avere più visti da spendere. Giocatori alla nostra portata in giro ce ne sono davvero pochi: vedremo”…

Fonte Ufficio Stampa Pistoia Basket 2000

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.