Verso Varese-Cremona, le parole di Caja e Sacchetti

Serie A News

Attilio Caja (coach Varese)

Affrontiamo una squadra che sta disputando una stagione eccellente e che ha avuto nel successo della Coppa Italia la classica ciliegina sulla torta. Il merito di questo va sicuramente a coach Sacchetti che è riuscito, in poco tempo, a modellare una squadra composta da giocatori nuovi ottenendo risultati ottimi e mettendo in mostra un buon gioco sia in attacco che in difesa; del resto non ottieni certi risultati se non sei una squadra completa.

Uno dei meriti più importanti di Sacchetti è il lavoro che ha fatto su Ricci e Ruzzier, due italiani che da inizio campionato hanno avuto una crescita di altissimo livello. Al loro fianco girano stranieri che sono stati “pescati” in modo notevole ad inizio anno: Andrew Crawford, giocatore completo capace di fare canestro in ogni modo e di imporsi a rimbalzo, Wesley Saunders, che mette sempre grande fisicità in ogni cosa che fa, Peyton Aldridge, un ottimo tiratore da 3, e Mangok Mathiang, un lungo di energia e fisicità. A tirare le fila di tutto Travis Diener, un genio della pallacanestro abile a dare ritmo ai compagni con la sua leadership in campo e fuori.

Se vogliamo avere qualche possibilità possiamo solo fare una grande partita sia difensiva, cercando di contrastare le tante opzioni che loro hanno in attacco, ed offensiva, dove dovremo essere attenti ed intelligenti”.

fonte Ufficio Stampa Varese

Meo Sacchetti (coach Cremona)

“Andiamo a Varese, un posto a cui sono particolarmente legato, contro una squadra che insieme a noi e a Brindisi è certamente la sorpresa di questo campionato. Sarà una partita molto tosta perché affrontiamo una squadra forte in un palazzetto molto caldo, con un pubblico che sa aiutare molto la sua squadra. A Masnago, in uno dei templi della pallacanestro italiana, ci sarà sicuramente una bella atmosfera per tutti e noi, nel giocare lì, dovremo trovare ancora più stimoli per fare bene.

Varese è squadre capace di impedirti di giocare la tua pallacanestro. Ha nel suo roster giocatori in grado di accendersi in pochissimo tempo come Avramovic ma non dipende da un solo giocatore. Tutti in più di una occasione sono stati capaci di diventare protagonisti e decisivi per le vittorie.

Noi oggi dovremmo avere il via libera dallo staff medico sia per Stojanovic che per Ricci ma li rischieremo solo se saremo sicuri al cento per cento della loro condizione, altrimenti andremo con gli altri. Quelli di domenica sono due punti importanti in chiave playoff sia per noi che per Varese perché dietro ci sono squadre che spingono molto, squadre che hanno cambiato molto per risalire e squadre che hanno gli scontri diretti a loro favore come Cantù con noi.

Come sempre noi andremo a giocare la nostra partita con consapevolezza unita a umiltà”.

fonte Ufficio Stampa Cremona

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.