Verso Varese-Pesaro: le parole di Caja e Calbini

Serie A News

Per la 28esima giornata di campionato, la terzultima della stagione regolare, alla Enerxenia Arena arriva la Victoria Libertas Pesaro in cerca disperatamente di punti salvezza. Per converso Varese è a caccia della vittoria e di un posto playoff. Le parole a coach Attilio Caja ed al vice Paolo Calbini per Pesaro.

Attilio Caja (fonte: ufficio stampa Pallacanestro Varese)

Pesaro è una squadra pericolosa perché ha tanto talento e tante possibilità di fare canestro. Del resto possono schierare giocatori del calibro di Mark Lyons, Dezmine Wells, che lo scorso anno ad Avellino era davanti al nostro Scrubb nelle rotazioni, James Blackmon ed Eric McCree, rispettivamente secondo e terzo miglior marcatore del campionato, ed Egidijus Mockevicius, miglior rimbalzista di di tutta la LBA. Dovremo essere pronti ad una partita difficile per la quale ci siamo preparati nel miglior modo possibile ad eccezione di Moore, che ha trascorso la settimana negli USA per la nascita del figlio. Ho però piena fiducia in Tambone che, quando è stato chiamato in causa, ha sempre dimostrato di poter fare buone cose. Devo fare i complimenti ai miei giocatori per come hanno affrontato la settimana di lavoro, ossia con la massima attenzione e la giusta concentrazione, consapevoli del fatto che avremo bisogno di tutta l’energia possibile. Vogliamo continuare il nostro ottimo cammino in campionato ottenendo un risultato positivo di fronte al nostro pubblico.

 

Paolo Calbini (fonte: ufficio stampa VL Pesaro)

Sarà una partita difficile, noi cerchiamo punti importanti in chiave salvezza mentre Varese punta ai playoff e dopo la gara contro di noi ospiterà Pistoia: la Openjobmetis nell’ultimo periodo è in leggero calo ma è comunque una delle migliori squadre a livello organizzativo, sia in chiave offensiva che difensiva. In difesa mette molta energia, è un team che gioca di sistema e i giocatori tendono a muovere molto la palla”, evidenzia Calbini. Varese è una squadra che ha uno starting five di grande qualità: “In quintetto c’è Moore, play che ha giocato anche a Pistoia e che ha molta esperienza nel campionato italiano, Avramovic è una delle migliori guardie del campionato e gioca con grande intensità, mentre dopo la stagione scorsa ad Avellino quest’anno a Varese Scrubb ha ancora più minuti e responsabilità e sta rispondendo molto bene; Archie è un ‘4’ molto valido mentre Cain è un ottimo centro, in grado di leggere tutte le situazioni in entrambi i lati del campo. Dalla panchina escono buoni italiani, come Tambone, Natali, Ferrero e Iannuzzi, mentre a stagione in corso è arrivato Salumu a sostituire il nostro ex Pablo Bertone: sono giocatori che hanno ben presente ciò che devono fare in campo e che riescono anche a mantenere alta l’intensità difensiva. La Vuelle dovrà ripartire dalla prestazione del secondo tempo giocato contro Sassari per cercare di tornare da Varese con la vittoria: “Sarà necessario avere costanza e giocare con la stessa intensità per tutti i 40 minuti: a Trento abbiamo pagato l’uscita di Lyons per infortunio, contro Sassari siamo partiti male. Se riusciamo ad essere costanti per tutti i 40 minuti all’interno della partita, siamo in grado di giocare bene offrendo buone prestazioni. Dobbiamo evitare i diversi alti e bassi che ci caratterizzano all’interno della stessa partita: in settimana ci siamo allenati bene, speriamo di vederne la controprova anche domenica sul parquet di Varese”, conclude Calbini.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.