Verso Virtus Bologna-Trento: le parole di Djordjevic e Buscaglia

Home Serie A News

Domani alle 17.00 derby cromatico in bianconero tra Virtus Bologna ed Aquila Trento: gli emiliani attendono ormai solamente la matematica certezza di essere fuori dai playoff, mentre i trentini inseguono ancora un posto per la post-season.

Vediamo ora le parole dei due allenatori alla vigilia della sfida del PalaDozza.

Alexandar Djordjevic – coach Virtus Segafredo Bologna

“Continuiamo a lavorare bene in palestra, con un gruppo unito sul campo, che lo sarà fino alla fine. Vogliamo tornare a vincere in casa, dopo le ultime due battute d’arresto. Ci serve anche per prepararci mentalmente a quello che ci aspetta nel prossimo weekend. Ma nonostante l’impegno della Final Four di BCL che si avvicina, domani è prioritario pensare al campionato e a Trento, e dobbiamo dimostrare la stessa voglia di vincere delle ultime due partite disputate, a Reggio Emilia dove abbiamo vinto e a Brescia dove abbiamo lottato fino in fondo”.

“La Dolomiti Energia è una squadra tosta, rognosa, con grande attitudine mentale e fisica. Ha due playmaker con grande leadership, Forray e Craft, ed è la prima squadra del campionato per palle rubate, il che dimostra la loro voglia di buttarsi su ogni pallone, di sporcarsi anche le mani per arrivare alla vittoria. E’ una squadra completamente cambiata dopo l’arrivo di Craft, e nella seconda parte di stagione si sono dimostrati i migliori, questo significa molto”.

“Giochiamo contro una squadra che ha un sistema ben rodato, su cui ha lavorato bene coach Buscaglia, e la crescita del gruppo va di pari passo con la crescita societaria. Ho assoluto rispetto per il loro lavoro”.

“Ai miei ragazzi chiedo semplicemente di fare quello che stanno facendo in campo ogni giorno, durante gli allenamenti in palestra. E di giocare con tanto carattere e con grande orgoglio”.

Maurizio Buscaglia – coach Dolomiti Energia Trento

«Quella di domenica è una partita molto importante, l’ennesima in questa fase di regular season in cui siamo destinati a dover vincere sempre per raggiungere i playoff. Nelle ultime settimane abbiamo fatto bottino pieno in impegni tosti, contro squadre che dovevano vincere per strappare pesanti punti salvezza: a questa trasferta al PalaDozza arriviamo con maggiore consapevolezza nei nostri mezzi, nei nostri limiti e nelle nostre forze. Giocheremo contro una Bologna ferita dalle ultime sconfitte e che ha ancoraall’orizzonte impegni europei importanti: vincere aiuta a vincere e giocare bene aiuta a crescere, quindi sono convinto che a maggior ragione alla vigilia delle Final Four di Champions League e di fronte al loro pubblico vorranno giocare una partita di livello. Noi siamo chiamati ad una prestazione “da trasferta”: saranno importanti la difesa, il focus, il controllo dei rimbalzi, il saldo palle recuperate/perse. Ci serve solidità, da questo punto di vista può aiutarci il fatto che nelle ultime settimane abbiamo vinto anche quando non siamo stati sempre brillanti perché la nostra mentalità non può e non deve cambiare».

 

Si ringraziano gli uffici stampa delle due società per le parole dei rispettivi allenatori.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.