Zalgiris riscrive la storia: il 3-1 contro Olympiakos vale la prima Final Four

Coppe Europee Eurolega Home

ZALGIRIS KAUNAS – OLYMPIACOS PIRAEUS 101-91
(23-22/28-15/27-19/23-35)

Lo Zalgiris Kaunas chiude i conti e vola a Belgrado battendo l’Olympiacos Pireo nella quarta sfida playoff. Per gli ospiti decisivi i blackout nel secondo e nel terzo quarto, nonostante una partita giocata sempre al top. I lituani raggiungono così la loro seconda Final Four (la prima dopo quella vinta nel 1999).

Partenza sprint per entrambe, soprattutto i padroni di casa che cercano subito un buon slancio volando sul +8. Le triple di Micic e Pangos non fermano però i greci, bravi a costruire la mini rimonta con Roberts e Strelnieks nel momento “no” degli avversari; Davies nel finale interrompe il break di 0-6 dei biancorossi e riporta i suoi ancora avanti (23-22). Nel suo momento favorevole Olympiacos da i primi segni di cedimento, dando il là alla avanzata dei ragazzi di Jasikevicious: Kavaliauskas e Jankunas aprono al super parziale di 12-0, Spanoulis interrompe e rimette in carreggiata i suoi, cercando di risvegliare gli animi dei greci. I lituani sono però ottimi scacchisti e, con costanza, creano i presupposti per non andare sotto la doppia cifra, tenendosi sul +14 di distacco e rendendo vane le incursioni di McLean e Spanoulis (51-37).
Al ritorno in campo gli ospiti cercano in ogni modo di riaprirla, ma le difficoltà nello sbloccare lo scarto di 14 lunghezze sono tante e tutte a sfavore; al contrario Zalgiris gioca con coscienza, forte del proprio vantaggio, ed è inevitabile che per metà del terzo quarto nessuno faccia il passo più lungo. La svolta però arriva e sorride solo ai padroni di casa: White, Kavaliauskas e Ulanovas firmano l’11-0 che vale oltre venti punti di scarto e taglia le gambe ai biancorossi, che vedono il traguardo ormai troppo lontano (78-56). I greci provano il tutto per tutto, cercando di aprire il gas nei primi secondi dell’ultima frazione; Strelnieks, Spanoulis e Papapetrou sono protagonisti del 4-12 che potenzialmente potrebbe riaprire il discorso, ma i locali non fanno attendere la loro risposta e con Pangos e White il vantaggio rimane saldo sopra la doppia cifra. Spanoulis ancora rimette i suoi sotto 8 lunghezze e più volte è ancora di salvezza, ma la lucidità non manca ai lituani che, nei secondi finali, segnano addirittura il centesimo punto. Quello decisivo. Quello del destino. Alla sirena la Zalgirio Arena può esplodere: la strada per Belgrado è ormai lucente (101-91).

ZALGIRIS KAUNAS punti: Pangos 21 – Ulanovas 20 – Toupane 11

OLYMPIACOS PIRAEUS punti: Spanoulis 19 – Strelnieks 17 – Papanikolaou 15

foto: BeBasket.fr

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.