Michael Jordan contro i super team: “28 squadre sono da buttare”

Home NBA News

Michael Jordan ha criticato molto duramente il trend che negli ultimi anni vede molte stelle NBA raggrupparsi in una sola squadra, creando i cosiddetti “super teams“.

MJ ne ha parlato Cigar Aficionado in un’intervista ripresa anche da Bleacher Report.

Credo che in questo modo si vada a danneggiare la competitività della NBA. Ci sono uno o due squadre fantastiche e le altre 28 che sono da buttare o che comunque sono costrette a barcamenarsi.

Jordan non ha specificato quali siano le due squadre che ritiene super e non è facile capirlo dopo la free agency che ha consentito a diverse squadre, oltre a Cleveland e Golden State, ad avere molte stelle nel loro roster, basti pensare a Oklahoma City, Houston e Boston.

Il proprietario degli Charlotte Hornets ha parlato anche dell’eterna questione su chi sia stato il più grande giocatore di sempre.

È difficile dirlo. Non ho mai giocato contro Wilt Chamberlain o Jerry West, ho vinto sei titoli ma Bill Russelle ne ha conquistati undici; ciò dovrebbe rendere uno meglio dell’altro? Abbiamo giocato in epoche differenti.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.