Agrigento rimonta 16 punti nel secondo tempo ed espugna Biella

Serie A2 Recap

EDILNOL BIELLA – M RINNOVABILI AGRIGENTO 61-63

(19-10; 20-13; 8-19; 14-21)

Chi di rimonta ferisce…dopo aver vinto a Rieti rimontando dal -14, l’Edilnol Biella riesce nell’impresa di farsi recuperare 16 punti in 20′, consentendo alla M Rinnovabili Agrigento di espugnare il Biella Forum. La chiave è stato il cambio di rotta che Ciani ha saputo dare ai suoi al rientro dall’intervallo, con un gioco più ragionato e meno tentativi dall’arco, viste le basse percentuali. Biella ha denotato qualche problema in attacco nel secondo tempo, quando Harrell è stato ben contenuto dalla difesa agrigentina. Menzione speciale per Pepe e Sousa, autori di canestri fondamentali per la rimonta siciliana.

Parte forte Biella che con due canestri di Wheatle e la tripla di Harrell si porta sul 7-1, mentre Agrigento sembra in difficoltà soprattutto perché si affida al tiro dall’arco che non vuole saperne di entrare (sarà 3/14 all’intervallo). L’Edilnol mette in mostra una buona circolazione di palla trovando canestri facili da sotto, e si porta sul +8, con la squadra ospite che sembra in difficoltà, e non serve a molto la “rivoluzione” di coach Ciani che cambia quasi tutto il quintetto. Pepe mette la tripla, ma il 4/4 di Sims e Chiarastella chiude un primo quarto non entusiasmante sul 19-10. Sousa riporta la Fortitudo sul -6 con un canestro da sotto e uno dall’arco, ma Vildera entra finalmente in partita e con due belle giocate ristabilisce il vantaggio in doppia cifra per i rossoblu (timeout Ciani a 7.30 dal termine). Bell finalmente si sblocca con un bel canestro dall’arco, ma Harrell trascina i suoi con canestri e assist, costringendo Ciani a un nuovo timeout che però non sortisce effetti, visto che Sims ne mette 4 in fila e in difesa Biella è efficace (saranno 8 le palle perse di Agrigento al 20′). Il tap-in di Wheatle chiude il primo tempo sul 39-23. Al rientro dagli spogliatoi Biella è molto macchinosa in attacco e così nei primi 3′ Agrigento senza strafare si riporta a -8 con la tripla di Fontana (parziale 8-0), timeout obbligato per Carrea. Dopo il bel canestro di Bell, la stoppata di Sims che propizia la tripla di Harrell è ossigeno per Biella, che comunque non trova la giusta fluidità offensiva, così il 2/2 di Pepe vale il -7 a 3′ dalla sirena. Fontana mette il canestro del -5 ma sbaglia per due volte la triple da -2  sulla sirena: al 30′ il punteggio è 47-42. Apre Chiarastella da 3, ma Sousa appoggia due canestri da sotto. Per i padroni di casa continuano i problemi in attacco, mentre Pepe trova un tripla pazzesca da 9 metri per il -3 a 7′ dalla fine. Harrell torna a segnare ma ormai Agrigento è definitivamente in partita: il canestro di Pepe in entrata e Cannon in contropiede trovano il pareggio a quota 55 con 3.16 da giocare, timeout Carrea. La M Rinnovabili mette la testa avanti con lo scatenato Pepe, e dopo la schiacciata di Cannon, Harrell prima pareggia e poi recupera un preziosa palla in difesa che propizia il 2/2 di Sims. Ancora Cannon impatta in penetrazione e sull’azione successiva Harrell si vede fischiare un fallo in attacco che fa imbestialire il pubblico del Forum. Con 40″ da giocare Bell di puro talento infila il canestro della vittoria, visto che l’appoggio in entrata di Harrell con le “mani addosso” della difesa agrigentina non trova il canestro. Termina 61-63.

EDILNOL BIELLA: Chiarastella 7; Saccaggi 3; Sims 18; Vildera 7; Nwokoye ne; Wheatle 7; Pollone 0; Torgano 0; Harrell 19; Bertetti 0. Coach Michele Carrea

M RINNOVABILI AGRIGENTO: Cannon 15; Evangelisti 0; Bell 11; Pepe 12; Ambrosin 2; Zilli 7; Guariglia 0; Fontana 5; Sousa 11; Cuffaro 0. Coach Franco Ciani

  • 9
  •  
  •  
  •  

Commenta

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.