Steph Curry ha volato da Shangai a New York per convincere Durant, durante il viaggio la scelta di KD

Home NBA News

Nelle ultime ore è stato svelato un retroscena della decisione di Kevin Durant a firmare con i Brooklyn Nets, non tanto qualcosa che abbia portato al due volte MVP delle Finals a scegliere New York invece che la Baia di San Francisco, ma relativamente all’annuncio in sé.

La scorsa settimana Stephen Curry si trovava in Cina per il tour di Under Armour, brand del quale è il volto, insieme ad altri giocatori NBA come Mo Bamba e Dennis Smith Jr. Il playmaker dei Golden State Warriors domenica avrebbe però preso un aereo da Shangai per New York proprio per incontrare Durant e convincerlo a restare: il #35 non avrebbe però aspettato il compagno, come detto da Bill Simmons nel suo podcast, e avrebbe annunciato la propria scelta appena dopo la mezzanotte, quando Curry si trovava ancora in volo.

Gli Warriors sentivano di avere ancora una chance di convincerlo, abbastanza per Curry per volare da Shangai a New York e atterrare domenica sera, proprio dopo l’inizio della free agency, per incontrare KD, parlargli e concludere il tutto. Qualcosa come “Ecco quello che penso di te” e provare a convincerlo a restare. Se poi Durant avesse deciso di andarsene comunque, ne avrebbero parlato.

Dopo l’annuncio, Curry ha deciso di fare la cosa più elegante ed è andato a incontrare KD in ogni caso, di base per salutarlo. Ma, per quel che ho sentito, gli Warriors l’hanno presa sul personale. Perché, per tutti, senza alcun parere contrario, Curry è uno dei migliori compagni di squadra della NBA. E uno dei migliori compagni da tanto tempo a questa parte. Ed ha sempre cercato di proteggere KD in questi anni. E’ stato un brutto comportamento. Questo è ciò che ho sentito.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.