Recap NBA 19/02/2014: Howard torna allo Staples, Spurs regina a Ovest, Brooklyn si avvicina ai playoffs, Melo ancora decisivo.

Home

klove

Indiana Pacers @ Minnesota Timberwolves 91-104

Il post All-Star Game inizia male per i Pacers, nonostante un George da 12 punti nel primo quarto (saranno 35 alla fine con 11r), il 24 di Indiana si carica la squadra sulle spalle, insieme con Stephenon (10p e 10r) e Hill (13p e 6r), gli  unici a raggiungere la doppia cifra fra i Pacers, per gli altri ben poca cosa, soprattutto la panchina, incapace di produrre punti. Minnie da parte sua, orfana di Martin e Pekovic, si affida a Rubio (6p e 17a) e a Kevin Love (42p, 16r e 5/10 dall’arco), capace di trascinare i compagni alla vittoria, Brewer (12p) e Turiaf (11p) contribuiscono alla vittoria, mentre dalla panca escono Cunnigham (10p) e il solito Barea (12p). I Wolves mettono subito le mani sul match, complice un Love da 12p e 8r nel primo quarto, chiuso col parziale di 30-18, quanto basta ai Minnesota per gestire la gara fino alla sirena, tenendo sotto controllo la rimonta dei Pacers, apparsi sottotono.

MVP: Love, grande prestazione sia in attacco che in difesa.

Carmelo-Anthony

New York Knick @ New Orleans Pelicans 98-91

I Knicks espugnano la casa dei Pelicans, grazie al loro leader Anthony, ancora in versione All-Star (42p e 4r), il 7 di NY è inarrestabile, nonostante la partita sia equilibrata fino alla fine. NOP da parte sua risponde con Davis (14p e 10r) e soprattutto Gordon (28p e 4r), ma non riesce mai a mettere pressione ai Knicks, benchè i Pelicans rimangano a contatto per l’intera gara, NY infatti trova altri punti dalla panca, con Smith (19p) e Hardaway jr (16p), fondamentali per tenere gli avversari a distanza. AI Pelicans non bastano i 10p di Robert e i 14 dalla panchina di Rivers, vince NY.

MVP: Melo Anthony, altra prestazione monumentale, si sta confermando uno scorer implacabile.

010214-NBA-nets-joe-johnson-LN-PI_20140102232157376_660_320

Brooklyn Nets @ Utah Jazz 105-99

Continua la rincorsa dei Nets verso i playoffs con un’altra vittoria, firmata Joe Johnson (27p e 6a) e Williams (19p e 7a), che trascinano la squadra alla W, con i loro punti. Utah quest’anno è veramente poca cosa, ma si può consolare con Burke (14p e 10a) e Kanter (18p e 10r), sui quali può contare per costruire una nuova squadra in futuro, I Jazz vanno sotto dall’inizio e non riescono più a rimontare, buona prova della panca di Utah con Burks (23p e 6r), mentre Williams ne mette 12, per i Nets grande prova di Blatche (25p e 7r) off the bench, fondamentali per la W finale.

MVP: Johnson, non tradisce mai, è lui l’arma in più dei Nets.

Marco Belinelli

San Antonio Spurs @ Portland Trail-Blazers 111-109

Si scontrano le regine dell’Ovest in Oregon, in una partita combattuta punto a punto fino alla fine, gli Spurs senza Parker e Duncan (tenuto a riposo), trovano in Mills (29p) e Belinelli (20p, 4r, 4a) gli eroi della serata. Portland senza Aldridge, affida la partita a Lillard (31p e 6a), che si caica la squadra sulle spalle, il play gioca una gran partita, servendo assists ai tiratori appostati sul perimetro, Williams (19p dalla panca) e Matthews (18p e 5r) si fanno trovare pronti, mentre Lopez (11p e 14r) controlla l’area ingaggiando un gran duello con Splitter (15p e 6r). Anche gli Spurs però hanno ottimi tiratori, Green (16p e 7r) e Ginobili (16p e 5a) non stanno certo a guardare e rispondono ai Blazers colpo su colpo. la partita si decide un minuto e mezzo dalla sirena, con le squadri sul 101 pari, Belinelli segna un jumper e smista un assist per il gioco da tre di Splitter, Portland si riporta a contatto con una tripla di Williams, ma sull’azione d’attacco successiva, gli Spurs riconquistano palla dopo un rimbalzo di Lopez, mettendo in cassaforte la partita.

MVP: Mills e Belinelli, la vittoria degli Spurs passa dalle loro mani.

James_Harden_Houston_Rockets

Houston Rockets @ Los Angeles Lakers 134-108

I Lakers vengono travolti dai Rockets dell’ex Howard (20p e 13r) accolto dai fischi dello Staples, Houston si affida a Harden (29p e 11a) e Parsons (18p e 5r), autori di una grande prestazione. I Lakers non riescono mai a entrare in partita, Johnson (24p e 7r), Meeks (19p) e Marshall (20p e 16a) provano a tenere a galla i gialloviola, ma è tutto inutile, Houston trova punti anche dalla panca con Motiejunas (12p) e Garcia (11p) che si aggiungono a quelli di Jones (11p e5r) e Beverley (10p). Buone prestazioni di Kelly(13p) e Hill (11p e 7r) per LAL.

MVP: Harden, grande partita per il Barba.

Detroit Pistons @ Charlotte Bobcats 98-116

Pistons: Smith (14p), Monroe (13p e 7r), Singler (10p), Jennings (20p e 6a), Stuckey (15p), Bynum (14p e 8a).

Bobcats: Kidd-Ghilchris (11p), Mcroberts (15p e 5r), Jefferson (29p e 8r), Henderson (11p), Walker (24p e 16a), Sessions (10p e 10a).

MVP: Jefferson.

Orlando Magic @ Cleveland Cavaliers 93-101

Magic: Harris (19p e 7r), Afflalo (23p), Vucevic (23p e 12r), O’Quinn (10p e 8r).

Cavaliers: Deng (17p), Thompson (16p e 14r), Zeller (16p e 6r), Irving (22p, 7r e 7a), Jack (10p, 6r, 6a).

MVP: Irving.

Chicago Bulls @ Toronto Raptors 94-92

Bulls: Boozer (20p e 8r), Hinrich (19p), Augustin (19p), Butler (16p, 6a, 6r), Gibson (10p).

Raptors: Derozan (32p e 5r), Lowry (16p e 7a).

MVP: Derozan.

Washington Wizards @ Atlanta Hawks 114-97

Wizards: Ariza (19p e 9r), Nene (10p e 6r), Gortat (14p e 12r), Beal (19p e 6a), Wall (21p e 12a), Booker (12p), Webster (13p).

Hawks: Millsapp (21p e 11r), Brand (20p e 11r), Korver (10p), (Teague 16p e 5a), Williams (14p).

MVP: Wall.

Boston Celtics @ Phoenix Suns 94-100

Celtics: Green (17p e 5r), Bass (18p e 8r), Sulliger (11p), Rondo (18p, 10a e 7r),.

Suns: Tucker (10p, 11r, 6a), Frye (15p e 7r), Green (17p e 5r), Morris (18p), Dragic (17p), Morris (11p).

MVP: Morris.

Golden State Warriors @ Sacramento Kings 101-92

Warriors: Iguodala (13p), Lee (23p e 11r), Thompson (18p), Curry (13p e 8a), Green (12p), Crawford (10p).

Kings: Gay (16p e 8r), Thomas (26p e 7a), Outlaw (18p).

MVP: Lee

Infine ecco la top 10 della notte:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.