Riscrivendo la storia: 6 prestazioni da record della regular season appena conclusa

NBA News

Delle tante prestazioni degne di nota registrate nella RS 2016/17, ben 6 di esse sono già entrate nella storia, ritoccando record decisamente rilevanti o stabilendone addirittura di nuovi. Gli autori? Stephen Curry, Klay Thompson, Draymond Green, James Harden, Russell Westbrook e  Devin Booker.

Stephen Curry vs Pelicans

Avete dato un’occhiata alle statistiche dell’MVP in carica contro i poveri Pelicans? No? Beh, nelle ultime 9 uscite contro Davis e co. , il figlio di papà Dell ha tenuto 36 punti, 7 assist e quasi 5 rimbalzi di media, con un surreale 57% dal campo ed un totale di ben 54 triple (6 a partita) su 120 tentativi, ovvero il 45%. Di queste 54, 13 sono state scaricate in una singola partita, curiosamente successiva alla clamorosa sconfitta contro i Lakers nella quale Curry sbagliò tutti e 10 i tentativi dall’arco. 46 punti con 13/17 dai 7.25 e nuovo record per triple segnate in una singola partita.

James Harden vs Knicks

In una stagione indubbiamente segnata da uno sproporzionato numero di triple-doppie (ben 117, con 23 diversi giocatori a registrarne almeno una), ce ne sono tre che spiccano sopra le altre. Nella partita del 31 dicembre 2016 ad esempio, Mr. James Harden è diventato il primo giocatore della storia della NBA a mettere insieme almeno 50 punti, 15 rimbalzi e 15 assist. Finirà il match con un fantascientifico 53-16-17, condannando i Knicks alla sconfitta.

Draymond Green vs Memphis

Le capacità da all-around di Draymond Green non sono più una novità da diversi anni: efficiente realizzatore, solido rimbalzista, abile nel servire i compagni ed implacabile in difesa, il suo impatto è tangibile in ogni categoria statistica. Ne hanno avuto prova i (nuovamente) mal capitati Memphis Grizzlies, che nella serata del 10 febbraio hanno visto il buon Draymond mettere insieme 4 punti, 12 rimbalzi, 10 assist, 10 recuperi e 5 stoppate, ovvero una tripla doppia con meno di 10 punti, la prima della storia NBA. Con un solo punto in più, Green sarebbe anche diventato il quinto giocatore della storia a far registrare almeno 2 “5×5” in carriera.

Russell Westbrook vs Orlando Magic

Si potrebbe parlare di triple-doppie senza citare il numero 0 di Oklahoma? No: ben 42 in stagione (record), con due strisce da 7 triple-doubles consecutive ed una prova da 57 punti, 13 rimbalzi ed 11 assist contro gli Orlando Magic il 29 marzo. La particolarità di questa prestazione? Nessuno nella storia aveva mai mandato a referto una tripla doppia segnando tanto.

 

Klay Thompson vs Pacers

Nella stessa stagione in cui Steph Curry ha riscritto il record di triple in una singola partita, il secondo splash brother si è dovuto “accontentare” di un sessantello paro paro (career-high) rifilato agli Indiana Pacers in dicembre. Cosa rende lo show di Thompson un record? Delle ben 67 partite nella storia NBA che hanno visto un giocatore segnare almeno 60 punti, quella di Klay è l’unica in cui sia servita meno di mezz’ora di gioco per farlo: 29 minuti e 3 secondi per infilare 21 canestri su 33 tentativi, mai nessuno ci era riuscito.

Devin Booker vs Boston

Se le prestazioni da almeno 60 punti possono considerarsi “relativamente rare” (67 nella storia, poco meno di una per stagione), non si può dire lo stesso di quelle da almeno 70. Solamente 11 volte infatti un giocatore ha raggiunto tale soglia, e 6 di queste portano la firma del solito Wilt Chamberlain. Gli altri 5? In ordine cronologico sono: Elgin Baylor, David Thompson, David Robinson, Kobe Bryant, e Devin Booker. Proprio quest’ultimo, in una delle ultime partite di regular season, è diventato il più giovane giocatore di sempre a raggiungere il settantello, ritoccando anche il record per punti mai segnati contro i Boston Celtics e da un giocatore dei Phoenix Suns.

Eccole qui, tutte e 6, raccolte nel nostro video:

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.