Reggio Emilia: ecco uno dei progetti più solidi della stagione

Home

Reggio Emilia

REGGIO_Logo

Dopo la stagione più che positiva la GrissinBon punta ad una stagione di conferme. Per farlo un progetto solido, una stella e la stessa intelaiatura dell’anno scorso.

James-WhiteLa stella: James White

L’ala piccola rientra in Italia dopo la parentesi a New York, porterà talento e atleticità ad un roster in cui mancava proprio una stella di riferimento. Reggio Emilia trova quindi anche il perfetto finalizzatore per i contropiedi, oltre che ad un ragazzo con un bagaglio tecnico notevole, che ha già mostrato al pubblico italiano con la maglia di Sassari e Pesaro.

L’arma in più: Andrea Cinciarini

Il playmaker della Nazionale riesce sempre a distinguersi per la sua voglia e per fare da collante per la squadra in cui gioca. Certamente non il talento più cristallino in gruppo, ha dimostrato però anche in questo europeo di saper tenere testa a play ben più quotati. E’ una certezza e Menetti lo sa.

L’allenatore: Massimiliano Menetti

Rappresenta la città. Dal 2006 è seduto sulla panchina di Reggio (fino a due anni fa  come vice, con una parentesi a Montegranaro), ha dimostrato buone capacità di tenere unito il gruppo e ottime doti nel far rendere al meglio il suo roster.

Coby-Karl2Il mercato: complimenti a Dalla Salda e Fiorilli

 

Sono stati artefici di un mercato ben curato, in controtendenza rispetto alle altre italiane: infatti, sin da subito la società ha cercato di riconfermare gli elementi più significativi dell’anno scorso, aggiungendo innesti interessanti come Karl e Sillins, su cui si punta molto. Il colpo finale dimostra la serietà della società e quanto sia solido il progetto emiliano.

Le aspettative: sognare non costa nulla…

La GrissinBon potrebbe essere la vera mina vagante in Italia. Il reparto esterni è uno tra i più importanti in Italia (Non dimentichiamoci di Winston, ex conoscenza di Roma e Bologna) e l’asse Cincia-Karl può far male anche a squadre più blasonate.     L’obbiettivo è sicuramente quello dei play off, magari spingendosi oltre i quarti di finale dello scorso anno. In Eurocup invece si partirà con tanta umiltà, cercando di avanzare passo passo. Finalmente una realtà in crescita nella nostra pallacanestro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.