Road to the Draft: Ja Morant, il playmaker del futuro

Home NCAA News

Temetrius Jamel Morant, più comunemente “Ja” Morant, è sicuramente la sorpresa di questa stagione NCAA. Il playmaker classe 1999, uscente dalla Murray State University, ha stupito tutti con le sue giocate. Il ragazzo al suo ultimo anno alla Crestwood HighSchool, nel 2017, non veniva nemmeno listato da ESPN nella Top 100 dei ragazzi che avrebbero approcciato il college l’anno successivo. Ed eccoci qui, a distanza di soli due anni, a parlare di un giocatore che ad oggi potrebbe essere scelto con la pick n°2 al Draft NBA 2019.

Quando Morant iniziò la sua carriera collegiale a Murray State, nella stagione 2017/18, nessuno si aspettava da lui che diventasse il top player che invece è attualmente. In quella sua prima stagione cominciò invece a cambiare il pensiero di molti, mettendo a referto cifre rilevanti: 12.7 punti, 6.5 rimbalzi e 6.3 assist a partita. Ma è nella stagione successiva, quella appena conclusa, dove Ja Morant ha capovolto ogni classifica e mock draft, che fino a quel momento non lo riguardava. In questa stagione c’è stato l’exploit che ha definitivamente consacrato il ragazzo. Le cifre sono allucinanti: 24.5 punti, 5.7 rimbalzi e 10.0 assist a partita. Numeri clamorosi, che descrivono appieno ciò che Morant ha fatto per il suo college, regalandogli anche la partecipazione al torneo NCAA.

Le caratteristiche del ragazzo sono veramente fuori dal comune. Stiamo parlando dello stereotipo del playmaker moderno: veloce, con grande visione, capace di penetrazioni nel traffico e conclusioni dalla lunga distanza. Ja Morant racchiude tutte queste qualità nel suo bagaglio tecnico, e non solo. L’altezza, 1.91 m, lo rende fisicamente perfetto per il ruolo che ricopre. L’ampia apertura alare gli facilita il lavoro difensivo, dove è in grado di stoppare e rubare palla, grazie anche alla sua grande reattività. E’ inoltre uno Scorer eccezionale, che riesce sempre a chiudere al ferro, a volte anche con canestri da circo. Il tiro è buono, soprattutto dalla media, il che è importante per un maestro di pick & roll come lui. Morant inoltre dispone di una visione di gioco straordinaria, lo documenta il numero di assist distribuiti a partita. Dotato di grande tempismo ed esplosività, Morant è anche un ottimo rimbalzista, come dimostrano i 5.7 rimbalzi di media.

Ja Morant ha dimostrato di essere un giocatore totale, lasciando veramente poco spazio alle critiche. Il ragazzo è forte, ma ovviamente è giovane, e può dunque migliorare sotto alcuni punti di vista. Il tiro dall’arco è sicuramente l’aspetto più migliorabile del suo gioco. Nonostante abbia dimostrato di essere un buon tiratore da 3 punti, Morant in questa stagione ha avuto delle percentuali molto basse, poco superiori al 30% su almeno 5 tentativi a partita. Bisogna invece dare un taglio netto ai turnovers, circa 5.2 di media a partita. A volte Morant arriva allo scadere dei 24 secondi con palla in mano e forza spesso attacchi a canestro quando la strada invece è sbarrata. Risultato: palla persa. Errori questi che sono però correggibili con il tempo, il ragazzo ha bisogno di sbagliare per imparare dai propri errori.

Il ragazzo ha decisamente il potenziale per diventare una superstar in NBA. Se in due anni passi da sconosciuto a probabile seconda scelta al Draft, sei destinato ad una carriera brillante. Morant è predisposto al miglioramento, dunque ci si aspettano passi da gigante anche al piano di sopra. Il paragone con John Wall viene spontaneamente, viste le caratteristiche comuni dei due giocatori. Entrambi sono dei leader, grandi scorer e playmaker per definizione, con grandissima propensione alle assistenze. Il prodotto di Murray State sembra ormai essere promesso sposo dei Memphis Grizzlies, i quali sono alla ricerca di una point guard che diventi il loro uomo franchigia e prenda il posto del dispendioso Mike Conley. Il Draft è alle porte, fra soli 3 giorni Morant diventerà ufficialmente un professionista, e vedremo se si legherà con la pick n°2 alla franchigia del Tennessee.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.