Road to the Draft: Tyrese Haliburton, l’assistman di Iowa State

Focus Home Rubriche

Tyrese Haliburton, playmaker classe 2000, è un giocatore della Iowa State University, college che milita nella Big 12 Conference della NCAA Division I. Il ventenne ancora non ha annunciato ufficialmente la sua presenza al Draft ma, con ogni probabilità, lo vedremo al Barclays Center il prossimo 25 giugno. Haliburton, alla sua seconda stagione in maglia Cyclones, è riuscito a ribaltare le aspettative, scalando la classifica dei vari mock draft di settimana in settimana. Ad oggi i maggiori esperti di basket collegiale lo vedono scelto intorno alla 13° anche se, grazie alle sue doti atletiche, potrebbe entrare in Top 10 dopo la Draft Combine. Il ragazzo è attualmente infortunato, ma la sua partecipazione al Draft non dovrebbe essere comunque in discussione.

La carriera cestistica di Tyrese Haliburton inizia alla Oshkosh North High School, liceo dell’omonima città natale nel Wisconsin. E’ lì che il playmaker muove i suoi primi passi sul parquet, facendolo peraltro molto bene, dato che al suo primo anno la squadra chiude la stagione da imbattuta, con un sontuoso 22-0 di record. Dopo aver ottenuto una quantità smisurata di premi individuali, Haliburton passa al college, entrando a Iowa State University come un semplice 3 stars recruit. Passata la prima stagione con poco minutaggio, chiusa a 6.8 punti, 3.4 rimbalzi e 3.6 assist di media, il playmaker tenta la svolta nella sua seconda annata. Con impegno e dedizione Haliburton diventa la star della squadra: il ragazzo infatti ha concluso la sua stagione da sophomore con ben 15.2 punti, 5.9 rimbalzi e 6.5 assist di media a partita.

L’evoluzione in soli due anni di Haliburton rappresenta sicuramente un aspetto positivo del giocatore, che ha dimostrato di saper crescere molto in breve tempo. Il fresco ventenne, passando alle doti in campo, è stato uno dei giocatori più spettacolari da guardare nella stagione appena conclusa. Haliburton, grazie ai suoi assist da circo, ha messo in mostra una visione di gioco fuori dal comune, che gli ha permesso di saper gestire anche situazioni di partita molto difficili. Il ragazzo ha palesato inoltre di essere un difensore d’élite, in grado di dire la sua anche sotto canestro, grazie ai suoi 196 cm. Ne fanno riferimento le sue 2.5 palle rubate di media a partita, che mettono in mostra anche l’intensità di gioco del ventenne. Per quanto riguarda il tiro da tre punti, Haliburton vanta un buon 42% in stagione, con quasi 3 triple segnate a partita, e in attacco a canestro il ragazzo dispone di varie soluzioni, dimostrando di essere un playmaker polivalente in fase offensiva.

Passando agli aspetti negativi, si può evidenziare sicuramente l’atletismo del giocatore. Haliburton è alto 196 cm, dato che ppuò rappresentare un’arma a doppio taglio. Sebbene questa altezza gli permetta di eseguire con successo assist complicati e di tirare facilmente contro difensori più bassi, non si può dire lo stesso dell’agilità e del ball handling, che risultano essere leggermente macchinosi per il ruolo che ricopre. Haliburton dovrebbe inoltre migliorare il proprio tiro dalla media, per poter ampliare il proprio bagaglio tecnico offensivo. Fisicamente sarebbe un bene guadagnare massa, dato che il ragazzo pesa solamente 83 chili, decisamente pochi per la sua altezza. Il ventenne pecca inoltre di esplosività, diretta conseguenza della sua struttura fisica longilinea, aspetto migliorabile però in sala pesi.

Per concludere, Tyrese Haliburton può essere considerato sicuramente come uno dei prospetti più interessanti del prossimo Draft. Il ragazzo somiglia molto a Lonzo Ball come struttura fisica e visione di gioco. Anche il range di tiro è simile, con la capacità da parte di entrambi di finalizzare in attacco a canestro. C’è molta attesa e curiosità attorno a questo giocatore, finito letteralmente sotto i riflettori dopo quest’ultima stagione: Haliburton ha le carte in regola per fare bene anche in NBA, dove squadre come Bulls, Suns e Spurs sembra abbiano già messo gli occhi su di lui. Vedremo chi tra loro deciderà di spendere la propria pick il prossimo 25 giugno.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.