SERIE A BEKO – 15° GIORNATA: Impresa Cantù grazie al duo Uter-Jenkins; un’agguerrita Bologna è costretta a cedere il passo

Home

GRANAROLO BOLOGNA – ACQUA VITASNELLA CANTU’ 69-78

(19-24; 38-40; 57-61)

 

Cantù riesce nell’impresa di sbancare l’Unipol Arena, confermandosi ulteriormente protagonista di questo girone di andata, grazie ad una super prestazione del suo Jenkins-Uter da 18 punti a testa. Pur avendo perso tutti i quarti, Bologna si è però dimostrata un osso duro, rimanendo constantemente attaccata al match. Per le V-nere il miglior realizzatore è stato Hardy con 17 punti, seguito da Ware (17pti).

 

Il primo quarto vede le due formazioni tenersi testa. La Granarolo prova a spingere un po’ di più degli ospiti lombardi grazie a King (8-5 al 4’), ma è presto raggiunta e al 9’ un mini parziale di 0-7 dei canturini, firmato Uter, porta il punteggio sul 12-19. Bologna non si ferma a guardare, riuscendo nel recupero (17-19 al 9’), ma l’ultimo guizzo è comunque di Cantù, che riesce a chiudere sul +5 (19-24 al 10’). Nella seconda frazione il vantaggio è inizialmente gestito dalla formazione di coach Sacripanti, con Bologna però sempre alle calcagna: Walsh infatti impatta per il -2 al 14’ (26-28), Jordan pareggia e regala, nell’azione successiva, anche il primo vantaggio delle V-nere (32-31 al 16’). Jones e Aradori riportano la squadra avanti, ma Ware recupera impattando sul 37-35. Gli ultimi 2’ sono caratterizzati da un break di 0-5 dell’ex bresciano Jenkins e il suo dodicesimo punto regala il vantaggio, anche se esiguo, ai suoi (38-40 al 20’).

I giochi riprendono e Uter porta subito a compimento un parziale di 0-4 tutto in solitaria, seguito a ruota da capitan Leunen (40-46 al 23’); Jenkins incalza, ma la reazione del team bianconero arriva e il trio Ware-Hardy-Gaddefors riporta lo svantaggio a un solo possesso di distanza. Un super Joe Ragland, davvero infallibile dai 6.75 questa sera, sale in cattedra e firma diverse azioni, l’ultima conclusa appunto con una tripla, che riescono a portare al +7 lombardo (50-57 al 27’). Ancora Uter regala il massimo vantaggio (52-61 al 29’), ma i bolognesi nell’ultimo minuto piazzano un parziale di 4-0, riuscendo a rimettersi in partita (57-61 al 30’). Nell’ultimo quarto non si segna per tre minuti buoni e il primo canestro arriva da Uter, seguito a ruota dal rivale Hardy per il -4 bolognese (59-63 al 34’). Dopo i tentativi di Gentile e Rullo di allungare, è ancora Hardy che porta i suoi a una tripla di distanza, ma Aradori, supportato da un immenso Uter (18 punti per lui alla fine, miglior realizzatore della gara insieme a Jenkins) riportano il punteggio sul 64-72. Walsh è l’ultimo della squadra di Bechi ad arrendersi, mentre Cantù gestisce e Jenkins dalla lunetta mette in cassaforte il risultato (69-78 al 40’).

VIRTUS BOLOGNA: Gaddefors 6, Hardy 17, Motum 4, Imbrò 3, Fontecchio 2, Ware 13, Jordan 9, King 8, Walsh 7. Coach Bechi.

PALLACANESTRO CANTU’: Jones 2, Uter 18, Rullo 3, Leunen 3, Jenkins 18, Marconato 2, Ragland 15, Aradori 13, Gentile 4. Coach Sacripanti.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.