Steph Curry ha dichiarato che stava reclutando Giannis solo per giocare ad un videogioco online

Home NBA News

Ieri aveva fatto scalpore, dopo la gara tra Warriors e Bucks, che Steph Curry si fosse avvicinato a Giannis Antetokounmpo e gli avesse chiesto abbastanza esplicitamente di giocare insieme in futuro, visto che il greco sta discutendo del possibile rinnovo con Milwaukee e se non andrà tutto per il meglio sarà free agent nell’estate 2021.

Curry avrebbe, dal labiale, pronunciato la frase: “Come to the Dubs! Let’s do some damage. Let’s do it”. Il video aveva rapidamente fatto il giro del web e il giocatore di Golden State era stato sostanzialmente accusato di tampering, rischiando anche una multa da parte della NBA. A Curry è quindi toccato correre ai ripari ed ha fatto sapere, per mezzo dell’insider Chris Haynes, la sua versione dei fatti. Secondo quanto dichiarato da Curry al giornalista, tutto quello che il #30 stava dicendo sarebbe stato dare il proprio nickname da gamer a Giannis per un videogioco dal titolo Playerunknown’s Battleground. La frase completa, citata dallo stesso Haynes, sarebbe stata: “Come see me on this game, we can team up and do some damage. Let’s do it! Come on”.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.