Top & Flop della 10a Giornata di Serie A

Home Serie A

image

MVP: Josh Owens (Dolomiti Trento) – Nella spettacolare vittoria di Trento su Sassari, la palma di migliore in campo, e di giornata, va a Josh Owens, capace di realizzare 24 punti (con un pazzesco 12/13 al tiro) a cui aggiunge anche 9 rimbalzi per un totale di 36 alla voce valutazione. Trento continua nel suo magico momento guidata in panchina da un grandissimo coach come Buscaglia. Non più una sorpresa ma una piacevole realtà della nostra Serie A.

Vittoria più convincente: Grissin Bon Reggio Emilia – Finiti gli impegni europei, Reggio Emilia mette in mostra tutto il suo incredibile potenziale, espugnando il campo dei leader del campionato, ovvero il Taliercio di Venezia. Difesa e tanto carattere, quello che probabilmente è mancato in Eurocup, sono state le armi che hanno permesso a Reggio di recuperare dal -16 e tornare così in vetta al campionato.

Sorpresa di giornata: Consultinvest Pesaro – Terza vittoria in stagione per Pesaro che va a vincere a Cremona mettendo in mostra una grinta ed un cuore davvero invidiabili. Come per Reggio Emilia, anche i bianco-rossi recuperano un divario in doppia cifra trascinati dai due americani Ross e Reddic, quest’ultimo alla sua miglior partita in Italia. Visto lo zero che ancora accompagna Caserta in classifica, si prospetta un’altro miracolo chiamato salvezza per coach Dell’Agnello.

Stat of the day: 13/30 – Non prettamente una statistica positiva ma quanto meno curiosa quello che ottiene la Virtus Roma sul campo di Avellino. 13 tiri realizzati su 30 tentati sia da 2 che da 3 punti. E’ solamente la quarta volta nella storia del nostro campionato che le due statistiche risultano perfettamente identiche.

FLOP:

LVP: Julyan Stone (Reyer Venezia) – Ci si aspetta molto più dal play americano, stranamente timido e riluttante quello visto contro Reggio Emilia. 0 punti in 32 minuti di utilizzo con soli 4 tiri tentati dal campo. I soli 59 punti messi a segno dalla Reyer sono un chiaro sintomo dell’opaca prestazione di Stone, tornato almeno in questa occasione, quello di inizio campionato.

Sconfitta meritata: Dinamo Sassari – La squadra sarda rimane in partita solo nel primo tempo, per poi essere annientata dalle schiacciate e dalle triple di Trento. La cosa che più preoccupa è la totale mancanza di reazione di una squadra a cui manca un vero e proprio leader capace di prendere sulle spalle i compagni nei momenti di difficoltà.

Delusione di giornata: Giorgio Tesi Group Pistoia – Entusiasmo a mille per i toscani reduci da 3 vittorie consecutive, che si infrange contro uno strepitoso Pullen autore di 26 punti. Partita decisa solo nell’ultimo minuto in cui Brindisi si rivela molto più cinica. Occasione persa quindi da Pistoia per raggiungere quota 10 punti e passare nella zona sinistra della classifica. Molto male Cinciarini che chiude con un deleterio 0/7 dal campo.                                                 

Stat da non ripetere: 29.4% – Come la percentuale al tiro da 2 punti della Granarolo Bologna, al termine della sconfitta sul campo di Varese. Il dato è il peggiore nella storia delle V nere, dalla stagione 87/88. Piccolo passo indietro per la squadra di Valli che paga la maggiore fisicità dei lunghi varesini, affidandosi troppo ai tiri dalla lunga distanza.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.