Logan si sveglia sul più bello, Avellino vola sul 2 a 0

Pubblicato il  

                               SIDIGAS AVELLINO 75 – GRISSIN BON REGGIO EMILIA 67

                           (8-12, 30-39, 51-53, 75-67)

QUINTETTI: Green – Logan – Thomas – Leunen – Cusin

Needham – Kaukenas – Della Valle – Wright – Cervi

STATO DI FORMA: Avellino ha vinto con grande autorità Gara 1, ma l’assenza di Ragland è un grosso punto interrogativo al quale trovare risposta. Reggio deve vincere per non essere messa subito spalle al muro.

ASSENZE: gli irpini devono rinunciare al loro miglior giocatore, Joe Ragland, volato in America per i funerali del fratello. Sacripanti ha inoltre escluso il nuovo arrivo Jones dai 12 disponibili. Menetti, come da pronostico, ha estromesso Strautins.

LA GARA: gli ospiti maturano un ottimo inizio dopo la scoppola di due giorni fa. Nel primo quarto dominano arcignamente le difese, con Avellino che segna appena 8 punti. Reggio non fa molto meglio, ma si infiamma nei secondi 10 minuti. La partita acquisisce di ritmo e si infiamma, con Aradori in grado di vedere il canestro da ogni posizione, anche e specialmente da dietro l’arco. Gli uomini in verde hanno una produzione più distribuita fra tutti, ma alla fine sono costretti a rincorrere di 9 all’intervallo (30-39). La ripresa è tutta un’altra musica. Finalmente Menetti trova la produzione di Della Valle, ma è soprattutto Logan a svegliarsi, conscio di dover fare un doppio sforzo per sopperire all’assenza di Ragland. Gli irpini rosicchiano qualcosa punto su punto e a cavallo dei due periodi finali si avvicinano sensibilmente e impattano, grazie a un Fesenko splendido nonostante non sia ancora al meglio. Reggio ritrova un attimo di inerzia grazie alle astuzie di Kaukenas e a un parziale di 5 a 0 targato De Nicolao-Polonara. La partita sembra procedere in discesa quando a Leunen viene fischiato un inesistente quarto fallo con successivo tecnico per proteste. Nulla di più falso: Logan si indemonia e firma un parziale che i vari Fesenko e Green arrotondano per bene. Termina 75 a 67.

LA SVOLTA: mai come stavolta si può affermare che la partita è stata decisa nel finale. La Sidigas,con uno straordinario parziale di 16 a 0 negli ultimi 4 minuti, ha annichilito gli ospiti, sempre in vantaggio per tre quarti abbondanti.

I MIGLIORI: Logan, 21 punti, 16 di valutazione e le giocate decisive nel break conclusivo.

Aradori, 18 punti con 7/9 dal campo, 22 di valutazione.

I PEGGIORI: Obasohan, 0/3 dal campo e -2 di valutazione in 5 minuti.

Cervi, 2 punti, 1/4 dal campo , -1 di valutazione in 15 minuti.

TABELLINI: Grissin Bon Reggio Emilia: De Nicolao 7, Needham 4, Aradori 18, Della Valle 7, Kaukenas 8, Wright 11, Reynolds, Polonara 10, Cervi 2, Williams n.e

Sidigas Avellino: Green 9, Logan 21, Obasohan, Thomas 6, Randolph 6, Leunen 11, Zerini 1, Parlato n.e, Severini n.e, Fesenko 13, Esposito n.e, Cusin 8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.