Colpo esterno per la Fortitudo, battuta in casa Chieti

Home Serie A2 Recap

PROGER CHIETI – KONTATTO BOLOGNA 71-75

(17-25; 16-11; 18-19; 20-20)

Assenze

Stefano Mancinelli

I padroni di casa iniziano il campionato a ranghi completi, manca una carta importante come Mancinelli invece alla Fortitudo, che già deve fare a meno di Ruzzier che dovrà stare fuori altri 15 giorni per un’infrazione al perone destro.

Stato di forma

I bolognesi si presentano come vincitori della SuperCoppa e come una delle candidate serie alla vittoria finale; per Chieti sarà una stagione all’insegna della lotta per una tranquilla salvezza.

Scelta tattica

Per Boniccioli, si punta molto sulla forte bidimensionalità di un giocatore come Roberts e su un Knox complementare e fautore di importanti giocate; questa stagione dovrebbe essere decisiva per l’esplosione di Candi e Campogrande. Coach Galli punta molto sulla crescita del gruppo attorno allo strapotere atletico e tecnico degli americani, soprattutto Golden.

La gara

Piazza è ancora il play di Chieti, anche per questa stagione.
Piazza è ancora il play di Chieti, anche per questa stagione.

Nonostante le rotazioni accorciate, gli ospiti prendono subito il comando delle operazioni: trascinati da Knox e Roberts, i biancoblu scappano subito sul 12-3 dando subito il giusto impatto alla gara. Davis e Golden provano a dare una risposta ai biancorossi ma la Effe tiene alte percentuali e chiude il primo periodo nettamente al comando sul 17-25. Nel secondo periodo però la musica cambia: uno scatenato Golden e qualche palla persa di troppo da Candi producono un break di 10-2 con cui la Proger impatta gli avversari a quota 27; nel momento peggiore è ancora Roberts a mettere le cose a posto per i suoi realizzando 6 ossigenanti punti consecutivi; stavolta i teatini sentono l’odore del sangue e con Mortellaro e una poderosa schiacciata di Sergio tornano a un possesso di distacco. Sul finale di periodo Piazza sbaglia la bomba del pari e le squadre vanno a riposo sul 33-36.

Al rientro in campo, la partita diventa spumeggiante con Davis a martellare il canestro avversario e a dare il primo vantaggio ai suoi sul 43-41; grazie soprattutto alle giocate di Montano, gli ospiti rimettono la testa avanti, ma i lampi di Piccoli tengono in scia gli abruzzesi che prima dell’ultima frazione sono sotto 51-55. Un 5-0 bolognese rialza il divario a 9 lunghezze, ma un controbreak guidato da Golden e culminato con la bomba del 61 pari di Piccoli rimette tutto in discussione a 4′ dal termine. Candi ridà il vantaggio ai suoi con una tripla pesantissima e coadiuvato da Roberts mantiene alta la testa ai biancoblu; Golden e compagni però non mollano la presa rimanendo sempre sulle due lunghezze di margine, ma i bolognesi sono freddi a cronometro fermo e timbrano la loro prima vittoria per 71-75. 

Svolta della partita

Il buonissimo inizio poteva mettere la partita in discesa per la formazione di Boniccioli, ma Chieti ha avuto il grande merito di non demordere e restare sempre in gara; quindi il momento decisivo è la bomba di Candi che ha dato quel minimo vantaggio che le furie non sono più state in grado di riacciuffare.

Migliori in campo

CHIETI: Golden con 28 punti (10/14 dal campo, 8/8 ai liberi) e 26 di valutazione

FORTITUDO: Roberts con 24 punti (5/8 da due, 3/5 da tre, 5/6 ai liberi), 6 rimbalzi e 23 di valutazione

Peggiori in campo

CHIETI: Allegretti con 4 punti (0/6 dal campo) in 26′

FORTITUDO: Montano con 10 punti ma un deludente 3/9 dal campo in 25′

Tabellini:

PROGER CHIETI: Golden 28, Mortellaro 6, Clemente, Piazza 4, Allegretti 4, Venucci, Piccoli 8, Ippolito, Zucca, Sergio 5, Davis 16; RIMBALZI: 28 (Piccoli 6); ASSIST: 19 (Venucci 6); T2: 20/34; T3: 5/21; TL: 16/20

FORTITUDO BOLOGNA: Candi 9, Costanzelli, Torricelli, Campogrande 6, Montano 10, Errera ne, Gandini 3, Raucci 5, Roberts 24, Knox 18; RIMBALZI: 33 (Raucci 7); ASSIST: 13 (Raucci 5); T2: 16/30; T3: 9/23; TL: 16/21

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.