Dure critiche di Steve Kerr sull’approdo di Anthony Davis ai Lakers

Home NBA News

Il passaggio di Anthony Davis ai Los Angeles Lakers ha fatto balzare i giallo-viola tra le prime cinque squadre in lizza per la lotta al titolo e ancora dopo un mese lo scambio tra i losangelini e Pelicans attira qualche polemica. E’ Steve Kerr, head-coach dei Warriors, a dire la propria in merito alle richieste del giocatore prima di approdare nella ‘Città degli angeli’. In un’apparizione al The Warriors Insider Podacst, Kerr ha spiegato il perché la richiesta della trade e la forzatura nei confronti della sua ex franchigia rappresentino un serio problema per la NBA.

“Parlo della situazione di Anthony Davis, laddove un giocatore è in salute e ha ancora un paio di anni sul contratto e dice di voler essere scambiato. Questo è un problema che la Lega deve affrontare e a cui i giocatori dovrebbero fare attenzione. Quando firmi un contratto, tu devi i tuoi sforzi alla squadra, alla città, ai fans. E poi, quando il contratto scade, è completamente tuo diritto andartene da free-agent. Ma se firmi il contratto, dovresti essere legato al contratto”

Anthony Davis infatti a gennaio aveva pubblicamente richiesto di essere scambiato dalla squadra nonostante i due anni di contratto rimanenti – player-option per la stagione 2020-21 – con i New Orleans Pelicans. Questa richiesta gli era valsa ben 50,000 mila dollari di multa. Così ancora Steve Kerr:

“Se arrivi ad un accordo con la squadra in cui vale la pena per tutti e due dividere le proprie strade è una cosa. Ma il caso di Davis è stato davvero rivoluzionario e si spera non un trend  perché sarebbe brutto per la Lega”

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.