Dwight Howard si scusa con i fans su Twitter

Home
Dwight Howard, Los Angeles Lakers
Dwight Howard, Los Angeles Lakers

Il giorno dopo lo sweep. I Los Angeles Lakers erano partiti in estate dalle firme di Dwight Howard e Steve Nash per formare un super team, si prometteva il titolo ma non si è mantenuto nulla. Vuoi per gli infortuni, vuoi per altri fattori, i gialloviola hanno lottato con le unghie e con i denti per raggiungere una misera settima piazza ad Ovest e un primo turno di Playoffs contro la corazzata dei vecchi ma buoni San Antonio Spurs. Molti pronosticavano la disfatta di LA, e di fatti così è andata, ma forse nessuno si aspettava un crollo così rovinoso soprattutto allo Staples Center.

Nemmeno una vittoria per i Lakers, fatti fuori in quattro partite, e allora si cercano i primi colpevoli. Senz’altro il primo a cui si pensa, dopo la Dea bendata che non li ha certo assistiti negli infortuni, è Dwight Howard. Il centro ex Orlando Magic si è trasformato, anche per i problemi alla schiena, da lungo più dominante della NBA in un semplice buon giocatore. L’ultimo episodio proprio in Gara-4 quando Howard all’inizio del terzo quarto è costretto a lasciare il campo a causa del secondo fallo tecnico, proprio quando era chiamato a far la voce grossa e rimandare l’eliminazione dei suoi. Come se non bastasse pare che all’uscita dal campo abbia detto qualche parolina non proprio gentile nei confronti del GM Mitch Kupchak, anche se la notizia va presa con le pinze perchè potevano essere riferite agli arbitri. Il centro dei Lakers ha comunque saputo scusarsi con i fans via Twitter nel postpartita, che sia stata la sua ultima partita in gialloviola?

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.