enes kanter freedom

Enes Kanter Freedom attacca i Celtics per le spillette con la bandiera ucraina: “Ipocriti!”

Home NBA News

Enes Kanter Freedom da anni si esprime piuttosto esplicitamente sulle diverse violazioni dei diritti umani nel mondo. Nell’ordine, si è schierato contro la dittatura di Erdogan nella “sua” Turchia, contro il genocidio degli Uiguri, contro il regime cinese e nelle ultime settimane anche contro quello russo. Dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina, Kanter aveva anche chiesto sarcasticamente a Vladimir Putin “quando si sarebbe sparato in un bunker”, alludendo ai paragoni con Adolf Hitler alla fine della seconda guerra mondiale.

Il giocatore, che attualmente è free agent dopo il taglio da parte di Houston, dove era arrivato alla trade deadline, nelle scorse ore non ha digerito il fatto che i Boston Celtics, proprio la sua ex squadra, abbiano indossato delle spillette con la bandiera ucraina durante la partita contro i Nets. Kanter ha dato degli “ipocriti” ai biancoverdi, dicendo che dovrebbero prendere posizione in difesa di tutti i diritti umani, anche quando a venirne privati sono popolazioni come quelle di Hong Kong, del Tibet, dell’Afghanistan e della Siria. Ma non solo: il turco, che di recente ha preso la cittadinanza americana, ha detto che quando era stato lui a indossare delle scarpe con disegnati degli slogan contro la Cina, proprio i Celtics gli avevano chiesto di toglierle, pena l’estromissione dalla squadra.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.