Grande battaglia tra Angola e Filippine: dopo un supplementare vincono le “Palancas Negras”

Home Nazionali World Cup 2019

ANGOLA – FILIPPINE 84 – 81 DTS

(21-22; 17-14; 18-12; 17-27; 11-8)

Penultimo match del Girone D, lo stesso di Italia e Serbia, che vedeva contrapporsi Angola e Filippine. Entrambe le squadre erano alla ricerca della prima vittoria in questo Mondiale, viste le due pesanti sconfitte, a testa, ottenute nei match precedenti. Un successo per salvare almeno l’onore e chiudere in bellezza questa esperienza in Cina. Alla fine a spuntarla, dopo un supplementare, è stata la nazionale africana, grazie alle prove di Joaquim (20 punti) Moreiera (12 punti e 15 rimbalzi) e Moore (12 punti), che vince così la prima partita del torneo e si assicura il terzo posto in classifica.

Parte forte l’Angola con un 4-0 firmato Morais-Joaquin, ma le Filippine, guidate da Blatche, rispondono prontamente con un contro parziale di 7-0 che ribalta la gara. Partita molto intensa ed equilibrata in questo primo quarto con le due compagini che si danno battaglia in campo, con Joaquim e Moreira da una parte e Barroca e Blatche dall’altra a guidare le rispettive nazionali.  Il risultato resta, così, in bilico per gran parte del periodo, che si conclude 21-22. L’Angola prova prendere il largo nel secondo quarto con Joaquim e Paulo sugli scudi, ma le Filippine reggono l’urto, almeno per il momento. Poi Conceicao e Moreira allargano la forbice e gli africani allungano a +9 il proprio vantaggio. Nel finale tocca allora a Bolick e Perez riavvicinare gli asiatici fino al -4, mentre il solo Moore non basta all’Angola. Il primo tempo si chiude così 38-34.

L’ex Wizards e Nets Andray Blatche, autore di 23 punti, non basta alle Filippine per vincere contro l’Angola.

Al rientro in campo Blatche prova a riavvicinare i suoi, ma le Palancas Negras sembrano avere una marcia in più. Joaquim e Antonio, infatti, infilano un canestro dietro l’altro e l’Angola vola a +10. Le magie di Perez riportano sotto le Filippine (-5), ma Paulo e compagni reggono l’urto, tornando poi sopra di dieci lunghezze a fine periodo. L’ultimo e decisivo quarto si apre con la tripla di Bolick, che prova a rimettere in partita le Filippine, ma Moore e Joaquim bloccano subito il tentativo di rimonta asiatico e infilano il +12. Gli Azkalas però sono duri a morire: Ravena e Perez trascinano, infatti, le Filippine ad un parziale di 20-4 che significa +4 e ribalta completamente la partita a circa tre minuti dal termine. Tocca allora a Conceicao e Morais rimettere in riga l’Angola, che torna in vantaggio di tre punti a pochi secondi dal termine. Le emozioni, però, non sono ancora finite, perché Perez con una tripla allo scadere porta le squadre al supplementare sul punteggio di 73-73. Durante il primo overtime l’Angola riesce a far sua la gara grazie ai canestri di Moreira e Moore, mentre Pogoy e Blatche non riescono a salvare le Filippine dall’ennesima sconfitta di questo Mondiale. Il punteggio finale è, così, di 84-81.

ANGOLA: Joaquim 20 (+7 rimbalzi), Moreira 12 (+15 rimbalzi), Moore 12

FILIPPINE: Blatche 23 (+12 rimbalzi), Perez 17 (+7 rimbalzi), Bolick 10

Foto: fiba.basketball

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.