Il Real di Ayon e Campazzo domina contro il Fenerbahce e chiude l’Eurolega al terzo posto

Coppe Europee Eurolega

Fenerbahce Istanbul – Real Madrid

(16 – 24;  24 – 14;  23 – 31;  12 – 25)

Nei primi ‘5 è il Real a portarsi in vantaggio sul + 8 grazie al dominio in area di Gustavo Ayon e Felipe Reyes. autori rispettivamente di 8 e 4 punti (6/6 nel pitturato). Mentre il Fenerbahce nei primi ‘7 riesce a trovare solo 3 canestri dal campo e solo 2 liberi con Erick Green, vengono doppiati sul punteggio di 9 – 18 dopo la triple di Jaycee Carroll; i Blancos poi toccano anche il + 13 sempre grazie ad una tripla, stavolta di Rudy Frenandez, assistito da un sontuoso Facundo Campazzo il quale dopo ‘8 ha già smazzato 7 assist. I turchi in qualche modo riescono a diminuire lo svantaggio sotto la doppia cifra con Guduric che si guadagna, con 0.4 secondi sul cronometro, i 2 liberi del – 8.

I gialloneri tornano a – 6 con Melli che batte Thompkins dal palleggio e si guadagna due tiri liberi, poi Sloukas con il palleggio arresto e tiro dal midrange segna il – 4 ma il Real sembra ancora in grado di gestire il vantaggio, almeno fino al ’16 quando Guduric e Melli dai 6 metri e 75 realizzano i canestri con cui il Fener mette la testa avanti; a 3 secondi dalla fine del primo tempo hanno anche la possibilità di portarsi a + 5 con una tripla, sbagliata, di Guduric.

Le due squadre rimangono ad un possesso di distanza, con il Fener a sfiorare appena il + 4 dopo un libero di Mahmutoglu per un tecnico a coach Pablo Laso, ma al ’28 arriva la risposta dei due giocatori più in forma del Real: Ayon con 4 punti (10/10 dal campo nei primi 3 quarti) e Campazzo con 5 (ed 11 assist nei primi 3 quarti), 0 – 9 di parziale e partita di nuovo in controllo per i castigliani.

Al ’32 Thompkins, premiato nel tagliare a canestro da un bel passaggio di Ayon spalle a canestro, appoggia il + 11 Real che sembra spezzare le gambe agli avversari, i quali dopo uno 0/6 dal campo ad inizio ultimo quarto scivolano a – 16. I turchi i Istanbul non fanno canestro per ben 7 minuti, scivolano ad oltre 20 punti di svantaggio e chiudono il quarto decisivo con un pessimo 2/10 dall’arco ed un 3/6 da due. Il Real porta a casa anche questa finale battendo il Fenerbahce, come in quella, seppur decisamente più prestigiosa, di Belgrado dell’anno scorso.

Tabellini

Fenerbahce: Green 4, Melli 7, Hersek DNP, Mahmutoglu 14, Kalinic 8, Biberovic 0, Sloukas 17 (6 assist), Arna 0, Guduric 11, Guler 4, Duverioglu 4 (9 rimbalzi di cui 5 offensivi).

Real: Campazzo 12 (15 assist e 3 palle recuperate), Ayon 23 (11/11 dal campo, 11 rimbalzi di cui 4 offensivi, 3 assist), Causeur 13, Fernandez 6, Reyes 6, Yusta 2, Carroll 8, Tavares 2, Llull 4, Deck 3, Prepelic 3, Thompkins 12.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.