Kevin McHale: “Jordan e i Bulls? Dei gran piagnucoloni”

Home NBA News

The Last Dance sta facendo sicuramente discutere, sia noi appassionati che gli addetti ai lavori: attestati di stima su Jordan e i Bulls sono arrivati da qualunque parte, ma non sono mancati i commenti negativi.

I Boston Celtics dominavano la NBA nei primi anni di carriera di His Airness, e uno dei giocatori più rappresentativi era Kevin McHale, che non si è trattenuto parlando della rivalità tra Detroit e Chicago, ampiamente descritta nei primi episodi della docu-serie: “Innanzitutto, si può vedere chiaramente perchè i Pistons odiavano i Bulls: i Bulls si lamentavano di continuo, piagnucolavano. Questa è una delle cose emerse dal documentario. “Questa non è pallacanestro, è teppismo” dicevano, per me mancando di rispetto a ciò che i Pistons fecero in campo. Vi dirò, in tutte le serie di playoff che ho giocato negli anni ’80, dopo una partita decisiva, a meno che stavi camminando a fianco di qualcuno che conoscevi, nessuno diceva niente. Magari ti congratulavi se lo vedevi dopo la partita, ma non c’era molto da dire, in tutti i sensi. Te ne tornavi in spogliatoio e basta; nel 90% delle serie che abbiamo vinto, non ho parlato con nessuno in campo dopo l’ultima partita. Nessuno veniva da me, e io non me lo aspettavo nemmeno“.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.