La NBA pensa a due nuove franchigie per aumentare gli introiti

Home NBA News

La pandemia da Covid-19 ha messo in serie difficoltà i conti della NBA, alle prese con un aumento dei costi (sia nella bolla di Orlando che in questa nuova stagione) e soprattutto con un drastico calo delle entrate, specialmente per quanto riguarda il ticketing e tutti gli introiti correlati alla presenza dei tifosi nelle arene.

Secondo Brian Windhorst di ESPN, la lega starebbe valutando la possibilità di creare due nuove franchigie in modo tale da aumentare le entrate. Il reporter americano stima che la NBA abbia in mente di fissare il prezzo d’ingresso di una nuova squadra in 2.5 miliardi di dollari, incassandone 5 con le due nuove affiliate. Questa somma verrebbe divisa equamente fra gli attuali 30 proprietari che incasserebbero 167 milioni a testa, senza calcolare la crescita dei guadagni nel corso degli anni.

La cifra richiesta è importante ma grandi magnati oppure cordate allargate potrebbero valutare seriamente un investimento del genere. Le due città più gettonate per ospitare le squadre sarebbero Las Vegas (considerato un mercato molto appetibile per via del turismo) e il ritorno di una piazza storica come Seattle. Curioso il fatto che solamente qualche ora fa è recentemente partita una petizione per far tornare nella lega la città che ospitato per anni i Supersonics.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.