mike james monaco

Niente vendetta perfetta a Kazan: Monaco batte l’Unics dopo una rimonta insperata

Coppe Europee Eurolega

UNICS KAZAN – AS MONACO 80-88 d.t.s.
(15-18/20-21/23-11/16-24)

Il remake della finale dell’ultima edizione dell’Eurocup si conclude con l’ennesimo sorriso per l’A.S. Monaco, sotto di 8 ma forte nella rimonta e nei successivi tempi supplementari. L’Unics Kazan, avanti dal terzo quarto, non vendica la sconfitta in finale la scorsa stagione e avrà da rimpiangere.

La partita è combattuta già nei primi minuti, con i padroni di casa che, dopo aver diretto per buona parte del primo quarto, cedono il posto alla compagine del Principato. 9 punti nel finale decidono la frazione, con Caanan il solo ad interrompere la striscia positiva avversaria (15-18).
Motum e James provano più volte a mettere almeno due possessi avanti la loro squadra, ma i russi sono ferrei e rimangono a centimetri grazie ai punti di Spissu e soprattutto John Brown. Salito in cattedra anche l’omonimo Lorenzo, il controsorpasso è presto fatto. Il vantaggio dura però giusto una manciata di minuti, quanto basta per sparigliare le carte e staccare ancora una volta, per Monaco, questa volta dalle mani di Lee e Demahis (35-39).

Al ritorno dagli spogliatoi sembra tutto un altro scenario quello di Kazan: i padroni di casa dominano il rettangolo di gioco affidandosi a singoli come Hezonja e lo stesso Lorenzo Brown, ma anche approfittando dei tanti errori del Monaco, in fase offensiva calante per tutto il terzo periodo. John Brown e Spissu si uniscono alla festa e in men che non si dica è +8 per i locali; un cambiamento fulmineo che può significare vittoria (58-50).
Il fato sembra però riservare altro all’Unics. Motum apre l’ultimo periodo e con regolarità costruisce una rimonta poi presa in mano da Westermann. Tra palle perse ed errori al tiro, i padroni di casa vengono raggiungi dagli avversari, sempre più ispirati anche con Donta e Mike James. In un finale tutt’altro che prevedibile, il manico sembra essere nelle mani di Hezonja e compagni, ma a due secondi dalla fine l’ingenuo fallo di Caanan regala due liberi a James, che ringrazia ma spreca parzialmente. La parità porta a una cosa sola: l’overtime (74-74).
Forse provati dallo sforzo del terzo periodo, l’Unics perde completamente la bussola e finisce in balìa degli avversari già nei primi 2 minuti dei 5. James e Lee aprono dopo il ping-pong iniziale, Andjusic e Hall chiudono definitivamente. La sirena arriva e forse anche qualche rimpianto dalle parti dei padroni di casa (80-88).

UNICS KAZAN: Hezonja 17 – Brown J. 14 – Brown L. 13

A.S. MONACO: Hall 16 – James 14 – Lee 12

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.